POLITICA

Il ministro Poletti: "Sono soddisfatto"

Senato, primo 'sì' al Jobs Act, Fmi: bene la svolta, tagli sulle pensioni

La commissione Lavoro di Palazzo Madama ha approvato l'emendamento del Governo che introduce il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti e apre la strada a modifiche sull'articolo 18. Martedì il testo approderà in Aula. I Senatori del PD votano compatti, ma nel partito resta qualche malumore, soprattutto sul tema licenziamenti. Fmi promuove la svolta, ma lancia l'allarme sui conti

Condividi
La commissione Lavoro del Senato dice sì alla delega al governo per il Jobs Act. I senatori approvano anche l'emendamento al ddl proposto dall'esecutivo e che introduce il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti "in base all'anzianità di servizio". La novità chiave della riforma del lavoro.

L'emendamento apre anche la strada a modifiche all'articolo 18, che disciplina i licenziamenti. L'europarlamentare PD Alessandra Moretti lo definisce "di fatto superato dalla riforma, e dal contratto a tutele crescenti". Su questo punto, però, nonostante tutti i senatori Pd abbiano votato compatti in Commissione, restano dissensi nel partito. L'ex viceministro del Lavoro Stefano Fassina chiede maggiori  garanzie sui licenziamenti e formula così la sua alternativa: "L'idea è di tornare alla proposta originale, a partire dal contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, il che vuol dire non applicare per i primi tre anni la tutela contro i licenziamenti ingiusti e introdurre agevolazioni fiscali a partire dal quarto anno".

Anche il presidente del Pd, Matteo Orfini, chiede di rivedere i contenuti del Job Act: "Servono importanti correzioni", scrive su Twitter. L'ex segretario democratico Pierluigi Bersani parla di "idee surreali" alla base del progetto. Il testo approderà in Aula a Palazzo Madama, martedì o mercoledì prossimo. Sarà il plenum a votare la delega al governo che, in caso di voto favorevole, provvederà a redarre i decreti delegati. 

"Sono davvero soddisfatto per l'approvazione della delega, giunta a conclusione di un lavoro efficace e positivo svolto dalla Commissione Lavoro del Senato" - dichiara il ministro del Lavoro Giuliano Poletti. "Il positivo lavoro della Commissione - conclude Poletti - consente ora il passaggio alla discussione in Aula secondo i tempi previsti".

Intanto dagli analisti del Fondo Monetario Internazionale arriva la promozione alla riforma del lavoro e alle scelte 'coraggiose' messe in campo dal governo Renzi, ma c'è anche il consiglio: per centrare gli obiettivi n assenza di ripresa, è necessaria una correzione dei conti. Una correzione che dovrebbe influire sulla spesa previdenziale (assegni per pensioni di anzianità in particolare, ndr) e sulla spesa sanitaria.
Condividi