Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Serie-A-Roma-ferma-al-palo-l-Inter-di-Spalletti-rimonta-ed-espugna-3-1-l-Olimpico-Icardi-Dzeko-vecino-50432ec4-0f83-49c6-9492-9ec18c65e288.html | rainews/live/ | (none)
SPORT

L'anticipo serale della seconda giornata

Serie A. Roma ferma al palo, l'Inter di Spalletti rimonta ed espugna 3-1 l'Olimpico

Vantaggio di Dzeko al quarto d'ora, subito dopo il legno di Kolarov. Nel finale di primo tempo montante centrato da Nainggolan. Perotti prende in pieno l'incrocio due minuti prima del pari di Icardi (67'). L'argentino concede il bis al 77', chiude i conti Vecino all'82'. Il tecnico toscano, ex giallorosso, fa piangere l'Olimpico

Condividi
di Mauro Caputi Spalletti torna all'Olimpico da avversario e sale sul carro del trionfo. La sua Inter subisce la Roma per tre quarti di gara, poi diventa d'improvviso efficace in contropiede e vince in rimonta 3-1. I giallorossi possono recriminare contro la sorte avversa per i tre pali (tutti colpiti prima dei gol avversari), ma devono riflettere per anche per le altre occasioni mancate. Il primo match clou del campionato lancia i nerazzurri in vetta (per ora insieme alla sola Juve) alla vigilia della sosta del campionato.

Juan Jesus terzino destro e Fazio centrale nella difesa di Di Francesco. A centrocampo Nainggolan-De Rossi-Strootman, tridente Defrel-Dzeko-Perotti. Spalletti col suo 4-2-3-1, ci sono Candreva, Borja Valero e Perisic dietro Icardi. Buona la partenza nerazzurra, Candreva e Perisic molto attivi. La Roma impiega dieci minuti a ritrovarsi e fa subito male. Al 14', sugli sviluppi di corner, Kolarov calcia dalla distanza, Handanovic valuta fuori il pallone che invece si stampa sul palo. Poco male per i giallorossi perché al 15' Nainggolan suggerisce splendidamente per Dzeko che controlla di petto e batte Handanovic. Subito il gol l'Inter fa poco, mentre la squadra di Di Francesco è sempre attiva. Al 39' Defrel suggerisce e Nainggolan spara un diagonale da oltre 20 metri: base del palo. Si scuote l'Inter, un'azione lenta ma insistita viene conclusa dal guizzo di Icardi, Alisson respinge.

Subito Joao Mario per Gagliardini, Spalletti muta il quadro tattico. Non cambia, però, la partita, con la Roma che chiude bene gli spazi e riparte sempre propositiva. Altra scossa dalla panchina per i nerazzurri, esordio di Dalbert per Nagatomo. Nella Roma avvicendamento El Shaarawy-Defrel. E' proprio il 'faraone' che non riesce ad arrivare per un soffio sul cross di Perotti. L'argentino, spina nel fianco sulla destra della difesa nerazzurra, porta a quota tre i legni giallorossi: al 65' si accentra e scarica una bordata che si schianta sull'incrocio. Dal raddoppio mancato, più volte, al pareggio è questione di secondi: al 67' Icardi riceve al limite da Candreva, si gira in una frazione di secondo e trova l'angolino basso sul primo palo. Roma colpita e subito reattiva. Lancio in profondità per lo scatto di El Shaarawy che supera in pallonetto l'uscita di Handanovic, Dalbert spazza in acrobazia a ridosso della linea. Rapidissimo contropiede di Perotti che apre verso Nainggolan davanti al portiere, il belga è costretto ad allargarsi e Joao Mario lo chiude in corner. E gli errori in fase di realizzazione vengono di nuovo pagati a caro prezzo. 77': discesa rapida di Perisic che centra per Icardi, l'argentino si gira e fradda ancora Alisson. Icardi potrebbe fare tripletta due minuti dopo, lanciato nello spazio tira addosso ad Alisson anche per il contrasto di Manolas. Dall'altra parte Nainggolan sciupa clamorosamente: il primo tiro dal limite lo respinge Dalbert, sulla respinta, da una decina di metri, spara alle stelle. Altri cambi, altri due esordi: Under per De Rossi e Cancelo per Candreva. L'Inter continua a volare in contropiede. Perisic scende sulla sinistra e centra per Vecino che sembra una freccia fra due difensori della Roma: 3-1 all'82'. Si chiude con Alisson che evita il poker alzando la conclusione ravvicinata di Joao Mario.
Condividi