Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Sesso-I-falsi-miti-sulla-contraccezione-653fc1d2-945f-46cb-9421-d16adcd7f9d4.html | rainews/live/ | true
SALUTE

Indagine della Società italiana di ginecologia e ostetricia

Sesso, tutte le bufale sulla contraccezione a cui credono le giovanissime

I dati di un sondaggio che ha coinvolto 9mila giovani donne, di cui 456 italiane, mostrano che circolano ancora falsi miti sui metodi anticoncezionali: dalla coca cola spermicida al bacio che fa rimanere incinta. Il risultato? Nel 2012 hanno partorito 9mila babymamme 'under 19'

Donna in gravidanza (immagine d'archivio)
Condividi
Una volta non se ne parlava, ma anche oggi che viviamo nell'era della comunicazione circolano ancora molte leggende e falsi miti sul sesso e sulla contraccezione. Dalle ragazze che credono che basti un bacio per restare incinta a quelle che si lavano con la coca cola dopo un rapporto sperando che la bevanda sia un efficace spermicida.

A lanciare l'allarme sulla disinformazione delle giovanissime su questi argomenti sono stati i ginecologi della Sigo (Società italiana di ginecologia e ostetricia), dal congresso della Società europea di Contraccezione (Esc) in corso a Lisbona, illustrando i risultati di un sondaggio che ha coinvolto 17 Paesi, fra cui l'Italia. Dalle interviste di quasi 9mila giovani donne tra i 20 e i 30 anni, di cui 456 italiane, sono emerse le bufale che circolano sul sesso e sulla contraccezione. 

Il bacio: nell'elenco delle 'bufale' più diffuse resiste ancora il sempreverde effetto bacio. Una ex adolescente su 10 ha creduto che scambiandosi questa effusione poteva restare incinta.

Il coito interrotto: il 31% delle adolescenti crede - erroneamente - che il coito interrotto sia un efficace sistema contraccettivo. 

I lavaggi con la coca cola: il 7% delle ragazze è convinto ancora che i lavaggi a base di Cola Cola possano funzionare come un valido spermicida. 

La spirale: il 37% delle intervistate non conosce i sistemi intrauterini al rame (Iud) ovvero la cosiddetta spirale e il 41% non sa che quelli intrauterini a rilascio ormonale (Ius), per essere efficaci, devono essere inseriti in utero.

Disinformazione: una donna su cinque addirittura non ha parlato mai di contraccezione con il proprio medico.

La prima volta senza protezione: secondo un'altra indagine della Sigo (2013) il 42% delle 'under 25' italiane non ha usato nessuna protezione contraccettiva durante il primo rapporto sessuale. Rispetto a un'analoga ricerca del 2010 si è registrato un +5% di giovanissime che affronta la 'prima volta' senza precauzioni.

Le baby mamme: il risultato di tale situazione è che "nel 2012 hanno partorito 9 mila babymamme 'under 19'", come sottolinea Paolo Scollo, presidente nazionale Sigo.

L'educazione sessuale: "In Italia non è materia obbligatoria per legge - aggiunge Scollo - e la stragrande maggioranza dei ragazzi si informa consultando amici, fratelli o sorelle. Oppure molti teenager cercano informazioni su internet, dove è possibile trovare notizie errate o pericolose".

Il progetto 'Scegli tu': è nato 10 anni fa per promuovere una migliore cultura della sessualità e della contraccezione consapevole.
Condividi