ITALIA

Il caso

"Sesso con i migranti in cambio dell'asilo". In manette il prete della Caritas di Trapani

Avrebbe costretto i giovani in difficoltà a prestazioni sessuali facendo leva sul suo ruolo apicale nella commissione territoriale presso la Prefettura deputata al rilascio dello status di rifugiato

Don Sergio Librizzi (Ansa)
Condividi
Trapani Avrebbe promesso aiuto in cambio di prestazioni sessuali a migranti maschi che chiedevano lo status di rifugiati politici. Diceva di essere "uno che conta" il direttore della Caritas trapanese - ormai sospeso dal suo incarico - don Sergio Librizzi, accusato di violenza sessuale e concussione. E facendo leva sul suo ruolo nella commissione territoriale presso la Prefettura, deputata al rilascio dello status, avrebbe convinto le sue vittime.

I rapporti - secondo le prime ricostruzioni - sarebbero stati consumati nell'auto del prete, dove gli investigatori avevano collocato delle "cimici". Gli episodi - almeno otto - vanno dal 2009 ai giorni scorsi.

Uno "molto influente"
Il sacerdote era componente - "molto influente", ha sottolineato il pm Paolo Di Sciuva  - della commissione territoriale presso la Prefettura, deputata al rilascio dello status. "Costringeva i giovani a prestazioni sessuali - ha detto il procuratore capo Marcello Viola - mediante pressioni, facendo leva sul suo ruolo apicale, sulla sua posizione di dominio".

Almeno 8 vittime
L'indagine, non ancora conclusa, per ora coinvolge soltanto don Librizzi. Fondamentali sono state le intercettazioni ambientali. Tra le vittime, almeno otto, non ci sono soltanto migranti, ma anche disagiati che si erano rivolti alla Caritas. Il sacerdote è stato portato in carcere. "Abbiamo chiesto ed ottenuto la custodia cautelare in carcere - ha detto il procuratore Viola - perché c'è il rischio di inquinamento delle prove, ma anche della reiterazione del reato".
Condividi