Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Sfilata-CuteCircuit-abiti-led-4c5e3fa8-fd3d-4a86-97f2-15ab12181a26.html | rainews/live/ | (none)
TECH

la mostra inaugurata all'Auditorium

Make in Italy, il Belpaese protagonista nell'innovazione

L'esposizione inaugurata all'Auditorium nell'ambito del Maker Faire mostra come gli italiani siano stati e sono tutt'ora protagonisti nel campo dell'innovazione.

Condividi
di Paola CutiniRoma Cinquant'anni di innovazioni italiane raccontate con oggetti e dimostrazioni. Dall'Oilvetti Programma 101, considerato il primo personal computer al mondo, al microporcessore opensource Arduino. La mostra Make in Italy, inaugurata, nell'ambito del Maker Faire, vuole mostrare il filo rosso della genialità italiana per ricordare il passato e "per investire nel futuro", come ha spiegato l'ingegner Carlo de Benedetti presente alla cerimonia. Il nastro è stato tagliato dalla madrina d'eccezione il capitano, pilota e astronauta dell'ESA Samantha Cristoforetti che a fine novembre partirà per la seconda missione di lunga durata dell'Agenzia spaziale italiana e viaggerà verso la stazione spaziale internazionale ISS a bordo di un veicolo Soyuz.
All'auditorium di Roma sono esposti motori, calcolatrici, macchine da scrivere ma anche pezzi pressoché unici come il Robottino icub, sviluppato dall'istituto italiano di tecnologia, o la Cyberhand, la mano robotica con sensori tattili della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa.
 
Nella serata c'è stato anche modo di vedere l'innovazione nel campo della moda, grazie alla sfilata degli abiti intelligenti e interattivi disegnati dalla stilista romana Francesca Rosella per il suo brand CuteCircuit. I capi, resi scintillanti da trame di led e controllabili da smartphone, dimostrano che le mani italiane riescono a trasformare anche la tecnologia in moda.
Condividi