Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Siria-Di-Maio-effetti-devastanti-sul-piano-umanitario-Turchia-si-fermi-subito-618a8cff-0ee4-415e-b899-d42f19be87a3.html | rainews/live/ | true
MONDO

"Turchia cessi subito le operazioni militari"

Siria, Di Maio: effetti devastanti sul piano umanitario. Turchia si fermi subito

Il ministro degli Esteri apre all'ipotesi di un embargo anche per le forniture già concordate

Condividi
Il bilancio di vittime dell'offensiva turca "è inaccettabile" e sta avendo "effetti devastanti sul piano umanitario". Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio durante l'informativa in Parlamento sull'attacco turco contro i curdi nel nord-est della Siria.

"Non esiste una soluzione militare alla crisi siriana, l'invasione deve cessare. L'abbiamo detto all'ambasciatore turco in Italia". Di Maio ha riepilogato i passi degli ultimi giorni e soprattutto affronta il tema delicato dello stop alle armi nei confronti di Ankara.

Ha conferma il blocco per le vendite future ma ha aperto anche all'ipotesi di uno stop per quelle in corso: "Nelle prossime ore formalizzeremo tutti gli atti per bloccare le esportazioni di armi alla Turchia e apriremo un'istruttoria per i contratti in essere".

Nell'informativa al Parlamento Di Maio ha ricordato anche la morte dell'attivista curda per i diritti delle donne. Al bilancio "già drammatico e inaccettabile" delle vittime dell'offensiva turca in Siria "con centinaia di morti", "si aggiunge il brutale assassinio della giovane attivista curda, Hevrin Khalaf, cui rivolgo il pensiero di tutto il governo italiano".

"Una pacificazione duratura in Siria non sarà possibile senza un processo inclusivo" e l'Italia "come Paese democratico" intende usare "ogni possibile strumento diplomatico" per fermare l'azione della Turchia, ha detto Di Maio aggiungendo che il governo italiano ritiene essenziale fare la "massima pressione" su Ankara e richiamare alle proprie responsabilità ogni Paese coinvolto nella lotta al terrorismo.





 
Condividi