Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Sospesa-la-circolazione-ferroviaria-tra-Roma-e-Firenze-pesanti-disagi-per-chi-viaggia-in-treno-76f4934f-d8ae-4078-a5ed-b6426716fbbf.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Caos sulla rete ferroviaria

In fiamme cabina elettrica, sospesa la circolazione ferroviaria tra Roma e Firenze: pesanti i disagi

Circolazione ripresa alle 8 ma i treni in viaggio o in attesa di partire stanno subendo enormi ritardi, cancellazioni o variazioni, fanno sapere da Trenitalia. Azione dolosa, c'è anche la pista anarchica

Condividi
Italia spaccata in due proprio all'inizio della settimana dei grandi esodi per le vacanze. Tutto a causa dell'incendio di una cabina elettrica dell'Alta velocità all'altezza della stazione di Rovezzano, alla periferia di Firenze che da poco dopo le 5 di questa mattina ha bloccato la linea ferroviaria tra Roma e Firenze.

Confermate le prime informazioni: l'incendio è di natura dolosa. Sul posto, oltre alla Polfer, ci sono gli uomini della Digos e la polizia scientifica. Tre distinti inneschi, posizionati proprio allo scopo di danneggiare la linea. La natura dolosa dell'episodio è stata confermata da Rfi. Il reato ipotizzato dagli investigatori  è di attentato alla sicurezza dei trasporti.

Tre inneschi
Sono tre i roghi innescati all'alba nella zona della stazione di Rovezzano a Firenze. E' quanto si apprende da fonti vicine agli inquirenti. Oltre alla cabina elettrica sarebbero stati colpiti anche altri due 'pozzetti'.

Atto doloso. Si indaga per attentato alla sicurezza dei trasporti
La procura di Firenze ha aperto un fascicolo. Le indagini sono condotte dalla Polfer e dalla Digos della questura di Firenze. Secondo quanto si è appreso, gli investigatori sarebbero certi ormai che si sia trattato di un sabotaggio ai cavi della linea ferroviaria. Finora, tuttavia, non sarebbero arrivate rivendicazioni dell'atto dimostrativo.

La pista anarchica
C'è anche la pista di un'azione dimostrativa, collegabile al processo in corso al tribunale di Firenze contro 28 persone, la maggioranza delle quali collegabili all'area anarchica, tra le ipotesi cui stanno lavorando gli inquirenti impegnati nelle indagini sull'incendio alla cabina elettrica dell'Alta velocità vicino alla stazione di Rovezzano. Proprio oggi a Firenze è attesa la sentenza per 39 anarchici accusati anche dell'attentato di Capodanno in cui rimase gravemente ferito un artificiere.

Già nel dicembre 2014 un analogo episodio era avvenuto proprio vicino alla zona di Rovezzano, all'ingresso della galleria San Donato destinata ai treni ad alta velocità. Uno 'stile' che ricorda alcune azioni di matrice anarco-insurrezionalista. 

Sito area anarchica,'gesto amore e rabbia' 
"Cosa è successo? All'alba, nella prima periferia del capoluogo toscano, una cabina elettrica dell'Alta Velocità si è surriscaldata al punto da andare in fiamme. Sarà stato un caso? Una coincidenza? Una 'vile provocazione'? Oppure, più semplicemente ed umanamente, un gesto d'amore e di rabbia?". E' quanto si legge sul sito 'Finimondo.org', vicino all'area anarchica. Frase che, secondo gli inquirenti, potrebbe essere una sorta di rivendicazione di quanto successo vicino a Rovezzano, a Firenze. 

Salvini a Firenze
"E' evidente, sono andate a fuoco nello stesso minuto due centraline a pochi metri di distanza che hanno spezzato in due il Paese". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, dopo aver compiuto un sopralluogo sul posto dove ha preso fuoco una cabina elettrica dell'Alta Velocità. "L'attentato ha causato danni a centinaia di migliaia di italiani. Ho letto di una rivendicazione anarchica, chiunque sarà responsabile di questo disservizio sarà punito serenamente. Non resterà impunito questo atto di criminalità". Ha inoltre affermato Salvini. "Non è un attacco allo Stato, ai poteri forti, è un danno ai lavoratori che hanno perso un giorno di lavoro, e spero che qualcuno finisca in galera se verranno trovate delle responsabilità che mi sembrano chiare". 

Di Maio: "Attentato allo Stato"
"In queste ore l'Itallia è praticamente ferma. C'è la possibilità che quell'incendio doloso alla cabina di Rovezzano, periferia di Firenze, che gestisce i segnali del traffico ferroviario in snodi nazionali di fondamentale interesse, sia stato un sabotaggio e c'è chi parla di pista anarchica". Lo scrive su Facebook il vice presidente del Consiglio, Luigi Di Maio, facendo rilevare che: "Se le ipotesi saranno confermate saremmo davanti a un vero e proprio attentato allo Stato. Un atto a tutti gli effetti sovversivo, che oggi sta danneggiando migliaia di persone e lavoratori".

Nardella: nessuna paura, ma Salvini rispetti gli impegni
"Siamo estremamente dispiaciuti per quello che è successo, ma siamo anche molto arrabbiati. Si tratta di fatti gravissimi, voglio dire con grande forza che Firenze non si farà né intimidire né piegare da queste azioni intimidatorie per le quali chiediamo alle forze dell'ordine e alle autorità giudiziarie la massima celerità e severità nell'accertare i responsabili e punirli". Al ministro dell'Interno Matteo Salvini "chiederò di rispettare gli impegni presi su Firenze. Ormai è diventata una litania, ma la sua promessa, portare in città 250 agenti, tra poco compirà un anno". Inoltre al ministro "chiederò un atteggiamento istituzionale verso i sindaci delle grandi città. Non è possibile che Salvini e il governo sfornino decreti sulla sicurezza senza mai confrontarsi con quei sindaci che, ogni giorno, sono alle prese con i problemi concreti e quotidiani dei cittadini, dalla legalità alla piccola criminalità. Noi dal ministro ci aspettiamo serietà istituzionale".
 
Pd: il governo riferisca in Aula
"Il governo riferisca tempestivamente al Parlamento sul caos treni verificatosi a seguito di un incendio, presumibilmente doloso, avvenuto ai danni di una cabina elettrica dell'Alta velocità nei pressi di Firenze. Si registrano ritardi fino a quattro ore per i convogli di tutto il sistema dell'Av Nord-Sud. E’ un episodio grave che sta paralizzando il trasporto ferroviario del Paese. Vanno individuati i responsabili e rafforzate le misure di controllo". Così Raffaella Paita, capogruppo Pd in commissione Trasporti alla Camera.

RFI: "Incedio doloso"
"Dai primi accertamenti sembra che l'incendio sia di natura dolosa", ha detto a Rainews24 Stefano Biserni di Rete Ferroviaria Italiana



Enormi ritardi, fino a 4 ore sull'alta velocità
Il blocco di Firenze sta causando ritardi medi di 180 minuti sui convogli ad alta velocita' sulla linea fra il capoluogo toscano e Roma. Lo fa sapere una nota di Rete ferroviaria italiana. A causa degli accertamenti dell'autorita' giudiziaria la circolazione e' stata completamente interrotta fra le 5 e le 8 di stamani. Una volta concluse le attivita' ispettive la circolazione e' ripresa, ma con forti rallentamenti che stanno interessando anche il traffico regionale nei principali nodi metropolitani. A causa del danno, si registra una forte riduzione di capacita' dell'infrastruttura ferroviaria.



Cancellati 25 treni veloci
Per questo motivo, al momento sono stati cancellati 25 treni ad Alta velocita', sia di Trenitalia sia di Italo, e i ritardi si sono estesi a tutto il sistema ad alta velocita', con ripercussioni probabili per tutto il pomeriggio. Le squadre tecniche di Rfi, fa sapere la societa', sono al lavoro per ripristinare i cavi danneggiati e quindi la piena funzionalita' dell'infrastruttura.

Trenitalia: rimborso integrale  
Rimborso integrale per i passeggeri dei treni alta velocità e media-lunga percorrenza che rinunciano al viaggio e che sono stati interessati dal blocco del traffico ferroviario, con ritardi e cancellazioni. Lo comunica Trenitalia in una nota.

Italo: richiesta rimborso entro il 24 luglio
"Il traffico ferroviario questa mattina è fortemente rallentato nel nodo di Firenze con ripercussioni su tutte le linee dell'Alta Velocità a causa di un principio d'incendio agli impianti che gestiscono la circolazione dei treni. Le squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana stanno lavorando per il ripristino della piena funzionalità dell'infrastruttura". E' l'avviso pubblicato da Italo sul proprio sito. "Di conseguenza, per la giornata di oggi, sono al momento previsti ritardi su tutta la linea superiori a 180 minuti ed i treni potranno subire alcune cancellazioni. Per maggiori informazioni vi invitiamo a contattare Pronto Italo al numero 06.07.08. E' possibile richiedere il rimborso del viaggio fino a mercoledì 24/07/2019 alle ore 23:00".

Codacons: "Disagi enormi, ora risarcimenti"
I problemi alla circolazione ferroviaria registrati oggi sulla linea Roma-Firenze stanno causando disagi enormi agli utenti ed evidenti danni materiali ai passeggeri, per i quali è possibile chiedere il risarcimento. "Al di là delle cause dei problemi tecnici, è una vergogna che in pieno periodo estivo si registrino simili disservizi nel trasporto ferroviario, che già mercoledì sarà colpito da un pesante sciopero con sospensione dei collegamenti in tutta Italia - spiega il presidente Carlo Rienzi - Rfi deve garantire la piena operatività della rete e adottare le misure necessarie per evitare atti dolosi che portino a blocchi come quello odierno. Intanto tutti i passeggeri che hanno subito oggi ritardi e cancellazioni dei treni possono chiedere il giusto indennizzo a Trenitalia e Ntv, oltre al rimborso integrale del biglietto, utilizzando l'apposito modulo che sarà pubblicato a breve sul sito del Codacons. "Al di là delle ragioni materiali che hanno portato al blocco dei collegamenti, le società ferroviarie sono infatti sempre responsabili nei confronti dei propri clienti, e devono risarcire i viaggiatori per i disagi loro arrecati" - conclude Rienzi.
Condividi