Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Spazio-navetta-sperimentale-Virgin-Galactic-si-schianta-in-California-si-teme-per-equipaggio-26f7f4a3-e4e9-4bf9-957e-b71c8db9a7de.html | rainews/live/ | true
SCIENZA

A bordo c'erano due persone

Spazio, navetta sperimentale Virgin Galactic si schianta in California: un morto e un ferito

Incidente durante un volo di test dello “spazioplano" sub-orbitale sperimentale. La società del magnate Richard Branson: "Sperimentata un'anomalia"

Condividi
Los Angeles (California) Duro colpo per il sogno del turismo spaziale. La navetta sperimentale della Virgin Galactic Spaceship Two si è schiantata durante un volo di test nel deserto del Mojave, in California, a circa 150 chilometri a nord di Los Angeles. La società, di proprietà del magnate britannico Sir Richard Branson, ha comunicato via Twitter di "aver sperimentatato un'anomalia" al motore della sua navetta. Un pilota è morto, mentre l'altro è in gravi condizioni.


Avaria la momento dello sgancio
Lo Spaceship Two è uno “spazioplano" sub-orbitale sperimentale che intende offrire ai privati l'esperienza del volo subito oltre l'atmosfera terrestre. Come di consueto, la navetta è stata portata in volo dall'aereo "WhiteKnight Two". Al momento dello sgancio il motore avrebbe perso potenza o non si sarebbe acceso facendola precipitare. Il WhiteKnight Two è atterrato regolarmente.

Un morto e un ferito. Branson: "Andare nello spazio è duro"
A bordo dello Spaceship Two c'erano due persone. Un pilota è morto, mentre l'altro è riuscito a paracadutarsi fuori dal velivolo, è rimasto ferito ed è stato trasportato in gravi condizioni in ospedale con un elicottero. Richard Branson ha dichiarato che si recherà immediatamente sul luogo dell'incidente e ha commentato: "Andare nello spazio è duro e oggi è stato un giorno difficile. Il futuro è basato in molti modi su giornate difficili come quella di oggi".

Decollo posticipato di oltre tre ore
L'ultimo test di volo per il propulsore del SpaceShipTwo compiuto con successo risale a gennaio scorso. Da allora, la Virgin Galactic aveva deciso di testare un nuovo tipo di carburante, in grado di fornire più potenza al velivolo. Il decollo oggi era stato posticipato di oltre tre ore, a causa di un'incertezza sulle condizioni meteo. Poi, una volta avuto l'ok, 'l'aereo portaerei' WhiteKnightTwo ha impiegato circa 45 minuti per portare fino a 50 mila piedi di quota (15 mila metri) la Spaceship Two, che dopo sei minuti dal distacco ha quindi riscontrato la "grave anomalia" che ha portato al fatale incidente della navetta, costata circa 500 mila dollari. 

Danno inestimabile
Per la Virgin Galactic, l'incidente potrebbe rappresentare un danno inestimabile. Secondo i progetti, il primo volo commerciale per far provare ai privati l'emozione di arrivare ai confini dello spazio, poteva aver luogo già il prossimo anno, al costo di 250 mila dollari a biglietto. Oltre 700 clienti si sono già fatti avanti, pagando un cospicuo anticipo per la prenotazione. Tra i progetti c'era anche una esibizione di Lady Gaga a bordo di una delle navette. Ora certamente tutto quanto verrà rinviato.

Pochi giorni fa l'esplosione del razzo Antares
Solo pochi giorni fa in Virginia c'è stata l'esplosione in fase di lancio del razzo commerciale Antares, di proprietà della Orbital Sciences. Avrebbe dovuto portare due tonnellate di materiali sulla Stazione Spaziale Internazionale. In qual caso non ci furono vittime.
 
Condividi