Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Stai-zitta-donna-E-Rima-reagisce-Qui-conduco-io-Poi-chiude-intervista-con-islamista-363d670c-c5a8-4ca9-ba93-e5d2336f384a.html | rainews/live/ | true
MONDO

Libano

"Stai zitta, donna". E Rima reagisce: "Qui conduco io". Poi chiude l'intervista con l'islamista

Sta facendo il giro del web un filmato in cui la conduttrice  televisiva libanese, Rima Karaki, chiude il collegamento in diretta con uno studioso di religione egiziano perché quest'ultimo, sentendosi interrotto mentre risponde ad una domanda, intima alla giornalista di "stare zitta"

La giornalista e il religioso
Condividi
"Stai zitta, così posso parlare. Sei una donna... ". Sono le parole con cui lo studioso islamista Hani Al-Seba'i si è rivolto alla giornalista libanese Rima Karaki durante un'intervista televisiva. E' a questo punto che lei ha risposto con calma e fermezza alla frase sessista dell'ospite: "O c'è rispetto reciproco o questa conversazione è finita". Poi ha interrotto il collegamento da Londra. Adesso il video sta scatenando la solidarietà nei confronti della giornalista sul web, diventando virale.

L'intervento
Al-Seba'i era stato invitato a parlare del motivo per cui ci sono molti cristiani che scelgono di arruolarsi nell'Isis, ma il discorso stava andando per le lunghe rispetto ai tempi televisivi - con lo studioso che aveva iniziato a parlare anche di Brigate Rosse italiane e della Baader Meinhof tedesca. Motivo per cui Karaki aveva cercato di far tornare la conversazione sul tema principale.

"Dottor Al-Seba'i, restiamo focalizzati sul presente. Oggi quali sono gli slogan usati per attrarre i cristiani?" ha domandato la giornalista. Un invito al quale l'uomo ha reagito con irritazione: "Non risponderò come vuole lei, io sono qui per servire l'idea in cui credo". 



La reporter, nota in LIbano per essere la conduttrice di un programma di approfondimento sulla tv locale "Al Jadid", a quel punto, chiede alla regia di interrompere l'intervista, replicando all'ospite: "Questo è il mio studio, qui comando io..."
Condividi