SPETTACOLO

"Striscia" presenta le nuove veline: insulti razzisti contro Mikaela

"Il prossimo anno, per favore, due ragazze ariane!" è uno dei commenti postati su Facebook. Figlia di medici, Mikaela è arrivata in Italia all'età di sei anni

Condividi

E' già polemica per le nuove veline di "Striscia la Notizia". Ad affiancare i conduttori da quest'anno ci saranno Shaila Gatta, 21enne originaria di Secondigliano (Napoli) e Mikaela Naeze Silva, 23enne nata a Mosca e figlia di medici (il padre è dell'Angola, la madre è afghana). Quando Luca Abete, lo storico inviato del programma, ha pubblicato su Facebook la foto delle due nuove veline, sono volati alcuni insulti razzisti nei confronti di Mikaela Naeze Silva.

"Torniamo alle origini italiche". "Il prossimo anno, per favore, due ragazze ariane!", "La bionda africana...siamo ridicoli" sono alcuni dei commenti choc da parte degli utenti, che ad ogni modo sono la minoranza, rispetto agli oltre 1200 commenti.

C'è chi ne fa una questione di lavoro ("toglie il posto a una delle nostre ragazze, ne abbiamo di bellissime") e chi la butta sull'orgoglio nazionale: "Si è persa l'identità nazionale per il politicamente corretto". Qualcuno però ci va giù pesante: "Con questa velina negra ogni volta che vedo Striscia darò sempre più ragione a Salvini".

Ma molti si sono schierati dalla parte della velina: "Della Hunziker (svizzera, ndr) nessuno disse niente perchè era bianca", sottolinea Giovanna, oppure "Quando il razzismo ostacola perfino la passione italiana per le belle figliole vuol dire che abbiamo oltrepassato di brutto la soglia del pericolo" precisa Andrea.

Condividi