Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Su-Marte-scorre-acqua-anche-Google-festeggia-la-scoperta-2344cbc2-e85c-4aeb-b67d-cab358fb1e68.html | rainews/live/ | true
SCIENZA

Il doodle

Su Marte scorre l'acqua, anche Google festeggia la scoperta

Anche il motore di ricerca celebra la scoperta effettuata dalla Nasa

Condividi
Un pianeta rosso sorridente che beve un bel bicchiere d'acqua e si gira su se stesso. Con questo doodle animato Google festeggia la scoperta della presenza di ruscelli d'acqua salata presenti su Marte.  

La Nasa, infatti, ieri ha annunciato che vi sono prove della presenza di acqua in forma liquida sul pianeta. "Marte non è il secco e arido pianeta che pensavamo in passato", ha detto Jim Green,direttore del dipartimento scienza planetaria della Nasa. "Le nostre sonde stanno trovando che c'è molta umidità nell'aria" e anche nel suolo, ha aggiunto. Green ha detto che fino a poco tempo fa gli scienziati non avevano le prove che delle striature osservate quattro anni fa sui pendii di Marte - cha compaiono in primavera, si allungano in estate e spariscono autunno - fossero dell'acqua. Ma oggi, ha aggiunto Green, a seguito di accurati studi e analisi, gli scienziati sono pronti a dire che si tratta di acqua.

La prima volta che fu teorizzata la presenza di acqua, e forse anche di vita, su Marte è stato nel 1854, quando lo scienziato inglese William Whewell ipotizzò che sul Pianeta Rosso ci fossero mari. Ipotesi che fu poi anche sostenuta dall'astronomo italiano Giovanni Schiaparelli, quando teorizzò l'esistenza di formazioni scure e rettilinee, simili a dei canali, sulla superficie marziana. Tuttavia, queste teorie rimasero a lungo considerate fantascienza. Anche se non mancarono studi e ipotesi che ne sostenessero l'esistenza. 
Condividi