Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Terrorismo-Angelus-e-stadio-i-sorvegliati-speciali-della-Capitale-4f04521d-f591-4152-803c-b117ff674c23.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Già da venerdì avviate le attività di controllo

Terrorismo. Angelus e stadio, i sorvegliati speciali della Capitale

Gli ingressi al largo del colonnato del Bernini, alla fine di via della Conciliazione, sono tutti chiusi. Per entrare in piazza occorre fare un doppio controllo: la polizia prima controlla borse e zaini, poi si passa sotto il metal detector. I fedeli non rinunciano, ci sono lunghe file per entrare

Condividi

E' un weekend di massima allerta quello che sta attraversando la Capitale, a poco più di una settimana dagli attacchi di Parigi e alla vigilia dell' imponente piano sicurezza predisposto da Questura e Prefettura in occasione del Giubileo che scatterà lunedì. Sorvegliati speciali, tutti gli obiettivi sensibili di Roma, dai monumenti ai luoghi di ritrovo, senza tralasciare i musei. 

Piazza San Pietro blindata
Un maggiore impiego delle forze dell'ordine è stato deciso per garantire la sicurezza di romani e pellegrini a piazza San Pietro per l'Angelus di Papa Bergoglio. Già da venerdì sono state avviate le attività di controllo nell'area, dove nei giorni scorsi sono stati installati 30 varchi elettronici all'altezza del colonnato. Piazza San Pietro blindata per l'Angelus. Gli ingressi al largo del colonnato, alla fine di via della Conciliazione, sono tutti chiusi. Per entrare in piazza occorre fare un doppio controllo: la polizia prima controlla borse e zaini, poi si passa sotto il metal detector. I fedeli non rinunciano, ci sono lunghe file per entrare. Si tratta della vigilanza che c'e' normalmente per i grandi eventi, come le messe presiedute dal Papa. 

Controlli allo Stadio Olimpico
Stringenti controlli anche allo stadio Olimpico, dove è stato messo in campo il dispositivo di sicurezza che solitamente viene utilizzato in occasione del derby o di altre partite considerate a rischio con la novità dei metal detector all'ingresso, gli stessi in via di allestimento al Colosseo. Oggi chiuse al traffico le strade limitrofe all'impianto e aumentate le operazioni di filtraggio. Proprio per questo la stessa società della Lazio ha invitato i propri tifosi a recarsi con "congruo anticipo". "I cittadini romani dovranno avere ancora più pazienza", aveva detto venerdì il questore Nicolò D'Angelo. Questo weekend rappresenta per le forze dell'ordine la "prova generale" del piano sicurezza per il Giubileo che prenderà ufficialmente il via lunedì, quando in strada ci saranno duemila uomini a presidiare non solo le strade di Roma, ma anche autobus e metropolitane. Si tratterà di un avvio graduale del dispositivo che comporterà dall'8 dicembre, la no-fly zone, anche con apposite misure anti-droni, "su tutta la città per l'intera durata del Giubileo", così come annunciato dallo stesso prefetto Franco Gabrielli. L'allerta sicurezza è massima per il Giubileo ai tempi dell'Isis.
 

Condividi