Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Terrorismo-allarme-bomba-a-Los-Angeles-autorita-chiudono-tutte-scuole-per-minaccia-credibile-0902214a-90c9-42cb-b9c3-7320e69ca679.html | rainews/live/ | true
MONDO

Nel distretto scolastico 920 istituti e 640mila studenti

Terrorismo: allarme bomba a Los Angeles. Le autorità chiudono tutte le scuole

L'allerta delle autorità della città americana dopo una minaccia ad un membro del consiglio del distretto scolastico: "State lontani dai campus". La polizia: "Minacce credibili". Ma c'è chi parla di un falso allarme

Condividi
Los Angeles Il distretto scolastico della città di Los Angeles ha reso noto che tutte le scuole, oggi, resteranno chiuse e i 640mila studenti degli istituti presenti nell'area resteranno a casa. "Questa mattina - ha detto in conferenza stampa il sovrintendente della Lausd Ramon Cortines - ho ricevuto un messaggio telefonico dal capo della polizia Zipperman che ha condiviso con me la minaccia che è stato fatta non nei confronti di una scuola, ma di molte scuole di questo distretto scolastico".

Il sovrintendente ha poi spiegato che il messaggio menzionava zaini e "altri pacchetti" come possibile minaccia. "Penso sia importante prendere delle precauzioni in base a quanto è successo di recente e in passato", ha detto ancora Cortines riferendosi a quanto accaduto a San Bernardino. "Prima che la giornata sia finita, voglio che ogni scuola venga messa al sicuro per i bambini e per il personale". 

Fonti investigative: minacce in mail dalla Germania. Ma si tratterebbe di un falso allarme
Secondo alcune fonti investigative citate dai media Usa, uno degli indirizzi Ip di una delle minacce ricevute a Los Angeles sarebbe riconducibile alla città di Francoforte, in Germania. Ma alcune fonti di intelligence parlano di un probabile falso allarme.

Le autorità hanno richiamato nei depositi tutti gli school bus che erano già in strada (a Los Angeles sono passate da poco le 7 del mattino, ci sono 9 ore di differenza con l'Italia) per svolgere il loro servizio. Al momento la polizia locale si sta occupando di perlustrare le scuole della zona mentre il Lausd ha spiegato che i genitori che hanno già portato i figli a scuola potranno riprendere i bambini solo con documenti di identificazione validi. 

Il distretto scolastico di Los Angeles (Unified School District) è il secondo più grande sistema scolastico pubblico degli Stati Uniti, dopo quello di New York. Conta in tutto 920 istituti scolastici frequentati da circa 640 mila studenti, dalla scuola materna al liceo. Gli insegnanti sono oltre 45 mila e circa 39 mila i dipendenti adibiti ad altre mansioni al di fuori dell'insegnamento. Il distretto comprende anche 187 scuole private. Il 73% degli alunni e degli studenti è di origine ispanica, l'11% afroamericani. I bianchi non ispanici costituiscono il 9% del corpo studentesco, mentre gli asiatici sono il 4%.

Allerta anche in Nord Carolina e Ohio
Mentre a Los Angeles è panico per l'allarme attentati che ha portato alla chiusura delle scuole del distretto, altri due allarmi sono scattati in Ohio e in Nord Carolina. Anche se non è chiaro se si tratti di minacce reali o di effetto psicosi. Secondo i media, la Glendale Kenly Elementary School nella contea di Johnston, in Nord Carolina, è stata messa in 'lockdown' mentre la polizia è alla caccia di tre sospetti. In Ohio, invece, la Beavercreek High School è stata evacuata a causa di un altro allarme bomba.

"Minacce non credibili" a New York
Funzionari della città di New York hanno ricevuto una email di minaccia simile a quella di Los Angeles: lo hanno detto il sindaco Bill de Blasio e il capo del Nypd, William Bratton. De Blasio e Bratton hanno aggiunto che numerosi altri distretti scolastici in tutto il Paese hanno ricevuto nelle ultime ore email di minaccia. La polizia di New York ha fatto sapere di aver ritenuto le minacce, per quanto specifiche, "non credibili". La notizia è stata diffusa sull'account Twitter della polizia di New York. Sempre sul social network il capo della polizia, William Bratton ha invitato la città a non cedere alla paura.

Condividi