MONDO

Attacco a Sutherland Springs, vicino a San Antonio

Texas, strage nella chiesa battista: il killer aveva litigato con la suocera

Potrebbe essere stato l'odio per lei, che frequentava la chiesa, ad aver spinto Devin Patrick Kelley a sparare sui fedeli che partecipavano alla messa. Ex militare congedato con disonore dall'Aeronautica dopo una condanna per violenze su moglie e figlio, aveva ripetutamente minacciato la donna via sms. Celebrati da eroi i due uomini che lo hanno inseguito dopo la strage

Condividi

Il movente della strage nella chiesa in Texas "non è di natura religiosa o razziale", ma sembra dettato da problemi familiari. Lo riferiscono i responsabili dell'inchiesta in corso, sottolineando che il killer aveva manifestato rabbia nei confronti della suocera e che questa aveva ricevuto suoi sms minacciosi.

Si comincia a far luce sulla dinamica dell'assalto che Devin Patrick Kelley, 26 anni, ha messo a segno nella chiesa battista di Sutherland Springs, piccola comunità del Texas, uccidendo 26 persone tra cui 12 bambini. Man mano che passano le ore, emergono dettagli sulla personalità di questo ex militare congedato con disonore dall'Aeronautica nel 2014, dopo essere stato condannato da una corte marziale per violenze commesse su moglie e figlio e accusato, nello stesso anno, di crudeltà contro animali. Acquistò il fucile Ruger AR-556, usato ieri, nell'aprile del 2016 in un negozio di San Antonio, riuscendo ad aggirare i controlli: la legge federale proibisce ai militari congedati con disonore di possedere armi da fuoco. Lo stesso è riuscito a fare con l'acquisto di due pistole, trovate nella sua auto. Cosa lo ha spinto a sparare all'impazzata sui fedeli, 20 colpi in serie su persone di età compresa tra i 5 e i 72 anni?

La suocera e il suocero di Kelley frequentano  quella chiesa. "Sappiamo che i parenti della moglie, o ex moglie, vengono in chiesa ogni tanto. Ma ieri non erano qui", ha riferito alla Cnn lo sceriffo Joe Tackitt. L'intenzione era, dunque, quella di uccidere loro? In particolare la suocera, minacciata ripetutamente via sms? Quel che è certo è che tra le vittime c'è la madre della donna.



Alle 11.30 qualcuno nota quel giovane vestito di nero
Il racconto di testimoni consente di ricostruire gli attimi che hanno preceduto la strage. Kelley, vestito completamente di nero, viene notato già nei pressi della stazione di servizio vicina alla chiesa, pochi minuti prima che vi si avvicini e cominci ad aprire il fuoco. Sono circa le 11.30 del mattino. C'è chi ricorda di aver sentito il rumore che fanno le armi semi-automatiche, di aver riconosciuto i colpi in sequenza, a poca distanza gli uni dagli altri.

Dopo aver scaricato il fucile sui fedeli, Kelley lascia la chiesa. Fuori incrocia un uomo armato che lo affronta e poi lo insegue insieme a un altro uomo cui chiede aiuto, dopo che il killer è salito sul suo Suv. E' sul fuoristrada che viene ritrovato cadavere, a poca distanza dalla chiesa. Ma non sarebbero stati i colpi sparati da uno dei due inseguitori a ucciderlo: sarebbe morto per le ferite da arma da fuoco che si è inflitto. Poco prima, avrebbe chiamato il padre, dicendogli di non sapere se ce l'avrebbe fatta.



Celebrati da eroi i due uomini che lo hanno inseguito
Osannati come eroi sui social media per aver rincorso Kelley. Il primo a intervenire è Stephen Willeford, 55enne idraulico di Sutherland Springs che, allertato dalla figlia, pur non avendo alcuna preparazione militare prende il fucile e si dirige verso il luogo della sparatoria. Lì incontra Kelley, si scambiano colpi d'arma da fuoco prima che il killer salga sul suo Suv e scappi.

Willeford vede un giovane nei pressi, Johnnie Langendorff, e gli chiede aiuto. Come ha raccontato lo stesso Langendorff alla stampa, "mi sono avvicinato all'incrocio dove era avvenuta la sparatoria. Ho visto due uomini scambiarsi colpi d'arma da fuoco, uno dei due era un membro della comunità. Questo si è avvicinato alla mia auto, era in difficoltà con la sua arma, mi ha spiegato velocemnete cosa era successo. Ha detto che dovevamo inseguirlo ed è quello che ho fatto, ho agito".

Trump: un malato mentale
Un copione tristemente noto. Con cui torna a confrontarsi il presidente Donald Trump, a quasi un anno dalla sua elezione. Come tante volte è accaduto per il suo predecessore, adesso è lui a parlare agli americani colpiti sprofondati nel dolore, e lo fa da Tokyo dove è in visita per la prima tappa del suo vasto tour asiatico. Il presidente Usa definisce la sparatoria un "atto malvagio" e aggiunge: "Non possiamo tradurre in parole il dolore che proviamo. ma nel momento di difficoltà facciamo quello che gli americani sanno fare meglio, restiamo uniti e attraverso le lacrime, restiamo forti". Quanto al dibattito sulle armi automatiche Trump ha detto che la strage è stata causata da un malato mentale e che non sono le armi il problema ad risolvere. "Abbiamo tantissimi problemi mentali nel nostro Paese, non è una questione di armi".      

Condividi