MONDO

Intervista alla CNN

Tony Blair: "Chiedo scusa per la guerra in Iraq, ha aiutato la nascita dell'Isis"

"Abbiamo commesso un errore, il rapporto dei servizi segreti era sbagliato" ha detto l'ex primo ministro britannico, che per la prima volta si scusa. Nel 2007 disse: ""Non credo che dovremmo chiedere scusa a tutti per quello che stiamo facendo in Iraq"

Condividi

Tony Blair ha chiesto scusa per gli errori commessi nel corso della guerra in Iraq e ha ammesso che il conflitto potrebbe aver scatenato l'ascesa dell'Isis. Intervistato dalla Cnn, l'ex primo ministro britannico è tornato sulla questione del rapporto di intelligence che all'epoca indusse la Gran Bretagna a intervenire militarmente al fianco degli Usa contro Saddam Hussein: "Mi scuso- ha detto- perché il rapporto dei servizi segreti (sulla presenza in Iraq di armi di distruzioni di massa, ndr) era sbagliato".  "Mi scuso anche per alcuni errori nella pianificazione dell'intervento militare- ha continuato- soprattutto chiedo scusa per la sottovalutazione di quelle che sarebbero potute essere le conseguenze una volta rimosso il regime". 

In una passaggio dell'intervista, in onda oggi sul canale americano, Blair spiega anche che la guerra in Iraq- che riversò per le strade migliaia di persone in protesta- potrebbe essere in parte responsabile della nascita dell'Isis, una "versione distorta" dell'Islam, che sta lacerando parte del Medio Oriente. "Anche se non si può dire che chi ha rimosso Saddam nel 2003 sia responsabile della situazione del 2015". 

E' la prima volta che l'ex primo ministro chiede scusa per la guerra. Nel 2007, infatti, dichiarò: "Non credo che dovremmo chiedere scusa a tutti per quello che stiamo facendo in Iraq".

Condividi