Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Torna-a-crescere-uso-eroina-Aumentano-marijuana-e-droghe-sintetiche-7be2f5f8-b45f-4f87-a326-e025d6d52d21.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

La relazione annuale per il 2017

Torna a crescere l'uso dell'eroina. Aumentano marijuana e droghe sintetiche

Nella Relazione annuale si sottolinea anche che crescono, invertendo un trend decennale che sembrava ormai consolidato, le morti per overdose che, nel 2017, complice verosimilmente l'accennata impennata nei consumi di eroina, tornano a segnare un sensibile aumento (+9,7%) rispetto all'anno precedente

Condividi
Torna a crescere l'uso di eroina, di marijuana e delle droghe sintetiche, diminuisce la cocaina. È quanto emerge dalla Relazione Annuale della Direzione Centrale per i servizi antidroga della Polizia di Stato, documento riassuntivo delle attività e dei risultati ottenuti dal nostro Paese nella lotta al traffico illecito delle sostanze stupefacenti.

Nel 2017 sono aumentati i sequestri di eroina del 27,95%, quelli di marijuana del 117,76% e di droghe sintetiche in polvere del 101,17% ed è diminuita la presenza sul mercato di cocaina (-12,88%), hashish (-21,55%) e cannabis (-43,31%). 

Riguardo alle operazioni antidroga e alle denunce all'Autorità Giudiziaria, la situazione che emerge non si distacca sostanzialmente da quella dell'anno precedente ed è in linea con i valori espressi nella serie decennale.

Gli incrementi registrati (+8,13 per gli interventi di polizia e +5,82 per le segnalazioni) si inquadrano nell'ambito delle fisiologiche oscillazioni che possono caratterizzare questo tipo di rilevazioni nell'arco temporale dei 12 mesi.

Con riguardo invece ai sequestri di droga, a fronte di un risultato complessivo nettamente ai massimi nella serie decennale (solo nel 2014 fu registrato un quantitativo maggiore), il dato nazionale per singola sostanza mostra: aumenti significativi a proposito dell'eroina (+27,95%) da attribuire, secondo gli analisti, a un ritorno di questa sostanza sul mercato di consumo nazionale, della marijuana (+117,76%) a causa della ripresa dei traffici tra le due sponde dell'Adriatico, e della droghe sintetiche nella presentazione in polvere (+101,17); decrementi, seppur di minor portata, per la cocaina (-12,88%), dovuti principalmente al parziale dirottamento dei carichi destinati al territorio nazionale verso i grandi scali marittimi del Nord Europa, per l'hashish (-21,55%) e per le piante di cannabis (-43,31%).

Per quanto concerne il consumo delle droghe sintetiche, sebbene in termini assoluti i volumi appaiano ancora modesti, si è registrato un incremento di questo fenomeno, favorito dal ricorso sempre più marcato agli ordini di acquisto elettronici attraverso le piattaforme presenti nel web.  

Nella Relazione annuale si sottolinea anche che crescono, invertendo un trend decennale che sembrava ormai consolidato, le morti per overdose che, nel 2017, complice verosimilmente l'accennata impennata nei consumi di eroina, tornano a segnare un sensibile aumento (+9,7%) rispetto all'anno precedente. Una delle cause principali di tali eventi letali potrebbe ravvisarsi nella circolazione sul mercato di consumo di eroina mescolata con altre sostanze di derivazione sintetica, mimetiche degli effetti dell'oppio, come il famigerato fentanil e i suoi analoghi di struttura.

Il 2017 si caratterizza, altresì, per la comparsa di un altro fenomeno di consumo che - secondo le valutazioni del Consiglio Superiore di Sanità - appare potenzialmente pericoloso per la salute degli assuntori. Si tratta della commercializzazione e dell'utilizzo delle miscele vegetali composte dalle infiorescenze essiccate della canapa sativa, a basso tenore di THC, provenienti da colture ottenute da sementi di varietà utilizzate per la produzione di canapa industriale. In attesa di conoscere il pronunciamento e le iniziative delle Autorità Sanitarie competenti, le Forze di Polizia e l'Autorità Giudiziaria, a partire dallo scorso anno, hanno avviato controlli e campionature per contenere il rischio di una diffusione incontrollata di tali prodotti, indebitamente destinati all'uso umano attraverso il fumo, e per verificare se tanto il consumo quanto la cessione a terzi possano trovare regolamentazione nella disciplina prevista dal Testo Unico in materia di sostanze stupefacenti. 
Condividi