CULTURA

Portò l'Impero alla massima espansione

Traiano, 1900 anni fa moriva l'Optimus Princeps

L'8 agosto l'anniversario della scomparsa dell'imperatore, dal 29 novembre una grande mostra a Roma 

Un busto di Traiano
Condividi
L'8 agosto del 117 d.C., a Selinus in Cilicia (oggi Gazipaşa, nella Turchia meridionale), moriva Marco Ulpio Nerva Traiano, primo imperatore adottivo e non romano (ispanico, nacque vicino all'attuale Siviglia). Portò i domini di Roma alla loro massima estensione. La città eterna, per questi 1.900 anni dalla scomparsa, celebrerà l'Optimus Princeps con una grande mostra dal titolo 'Traiano. Costruire l'Impero, creare l'Europa', che sarà ospitata ai Mercati di Traiano-Museo dei Fori Imperiali dal 29 novembre 2017 al 16 settembre 2018.

Proveniente dalla famiglia degli Ulpii, che, sebbene provinciale, era eminente e di rango senatorio, venne adottato da Nerva nel 96, per succedergli due anni dopo. Una rapida ascesa, dovuta a diversi motivi, primo fra tutti il fatto che le legioni da lui comandate, anche in qualità di Governatore della Germania, erano le più prossime all'Italia, disponendo così di un esercito fedele e pronto ad appoggiarlo. Senza contare che Traiano all'epoca era probabilmente l'unico in grado di riprendere le orme politiche del padre adottivo, che si basavano su un governo di tipo assistenziale. Probabilmente per questo venne accettato subito da esercito, Senato e pretoriani, quale capo dello stato nel 98 e vi rimase fino al 117.

Passato alla storia come uno degli imperatori più seri e corretti, già i suoi contemporanei enfatizzavano le capacità di Traiano nel gestire al meglio gli affari della res publica. Secondo i biografi, non fu corrotto dal potere e non usò titolo e potere per scavalcare la legge, della quale anzi riconobbe sempre il primato, perfino sulla carica imperiale. Eliminò quindi quei rituali decadenti tipici dei monarchi orientali e riuscì a farsi amare da tutti, in particolare dalle parti sociali più importanti, il Senato, l'esercito, nonché dal popolo stesso. Da conservatore, Traiano era altresì convinto che il progresso scaturisse più da un'oculata amministrazione che da imponenti riforme. Grande comunicatore, amato dai soldati per la sua affabilità, difficile all'ira e incline alla clemenza, benché non avesse la cultura del successore Adriano e di Marco Aurelio, possedeva un'indiscussa saggezza nella vita quotidiana, in guerra e in politica.

(L'Impero sotto Traiano, foto da Wikipedia-Tataryn)

L'esposizione dei Traianei racconterà appunto questa vita 'eccezionale' di Traiano, in grado di imporsi al mondo non tanto come condottiero, bensì quale 'costruttore a 360 gradi': dalle infrastrutture al programma di quello che oggi chiamiamo welfare, dagli incentivi economici alle opere architettoniche. Non mancherà un focus sulla figura e sugli spazi privati di Traiano, con uno sguardo al ruolo speciale delle donne di casa imperiale. La narrazione, coinvolgente e immersiva, si snoderà attraverso una ricca selezione di reperti, tra cui figureranno statue, ritratti, decorazioni architettoniche, calchi della Colonna Traiana, monete, provenienti da musei della Sovrintendenza Capitolina e da prestigiosi Archeologici italiani e stranieri. Numerose anche le installazioni multimediali e interattive, modelli in scala, rielaborazioni tridimensionali e filmati.

Traiano fondò tra l'altro il porto di Civitavecchia, che nell'Antica Rocca ospita fino all'8 ottobre la mostra 'Traiano Optimus Princeps - I porti dell'imperatore'. Quattro le sezioni, dedicate alla vita dell'imperatore; ai porti di Civitavecchia e di Ostia; alle città di Centumcellae e della medievale Cencelle; ai commerci e alle rotte marittime del Mediterraneo. La mostra è stata realizzata da soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l'area metropolitana di Roma, provincia di Viterbo e Etruria meridionale con l'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale.
Condividi