Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Tria-il-problema-e-ricreare-clima-fiducia-f4ca8bb2-f9b1-4577-8b50-444148330aa3.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Il Ministro ad Agorà su Raitre

Tria: "Il problema è ricreare il clima di fiducia". Dl famiglia? "Coperture non individuate"

Il Ministro dell'Economia: "La stabilità politica è un fattore importante per la crescita, come quella sociale e finanziaria". "Nell'ambito di una riforma fiscale gli 80 euro vengono riassorbiti. Tecnicamente è stata una decisione sbagliata". Dl famiglia: coperture non individuate. M5S: i fondi ci sono

Condividi
"Il problema non è il 3%, il problema è essere nella condizione di ricreare un clima di fiducia intorno ai programmi economici dell'Italia e convincere coloro che prestano denaro all'Italia, per finanziare il nostro deficit, a farlo a un tasso di interesse non troppo alto". Lo ha detto il ministro dell'Economia Giovanni Tria ad Agorà su Raitre. "Questa è la vera questione. Si pensa che il deficit sia una decisione autonoma dei mercati, ma non lo è, è chiedere denaro a prestito". A chi gli chiede: lo ha spiegato a Salvini? Tria replica: "Salvini lo sa bene e non devo spiegare nulla a nessuno. C'è una campagna elettorale in atto".  

Stabilità politica importante fattore di crescita
"La stabilità politica è uno dei fattori importanti della crescita, come quella sociale, e quella finanziaria. Abbiamo bisogno di tutte e tre queste stabilità per creare un ambiente favorevole alla crescita", ha detto il ministro dell'Economia

Rinviato dl famiglia, coperture individuate
"È stato deciso di rinviare" il decreto Famiglia annunciato dai 5 Stelle, perché le coperture sul miliardo 'avanzato' dal Reddito di cittadinanza "per ora non sono state individuate", ha detto Tria intervistato ad Agorà su Raitre. Questo miliardo, ha detto il ministro "se c'è non sappiamo cosa sia, se si spende meno si saprà a fine anno e non adesso e comunque queste minori spese non possono essere portate sull'anno successivo".

M5S a Tria: le coperture a dl ci sono
"È curioso che il ministro Tria parli di assenza di coperture per il decreto Famiglia, quando il miliardo è stato certificato anche dal presidente Inps, e ammetta poi candidamente che la Flat tax così come proposta si potrebbe invece fare, quando le coperture secondo i tecnici superano i 30 miliardi. Tra l'altro è lui il ministro dell'economia, il 1 miliardo per le famiglie lo abbiamo trovato noi e se non ha capito gli possiamo spiegare come". Così fonti M5S. 

80 euro decisione sbagliata
"Nell'ambito di una riforma fiscale gli 80 euro vengono riassorbiti. Tecnicamente è stata una decisione sbagliata, risultano come spese e non come un prelievo. Inoltre tecnicamente è stato un provvedimento fatto male". Così il ministro dell'Economia, ad Agorà parla degli 80 euro introdotti dall'ex premier Matteo Renzi, il quale, ha ricordato ha speso 10 miliardi poco prima delle precedenti elezioni europee. 

Flat tax si può fare con scelte su spesa
"La Flat tax si può fare facendo delle scelte conseguenti dal lato della spesa. Flat tax è un termine molto generico, bisogna vedere come verrà disegnata, qual è il percorso che verrà seguito per fare questa riforma fiscale", ha detto il ministro dell'Economia.

"Già con la legge di bilancio per quest'anno una parte di Flat tax è stata attuata per le cosiddette partite Iva al minimo, non si può fare tutto insieme. Bisognerà studiare tecnicamente un disegno sostenibile ed efficiente. Poi la decisione sulla Flat tax dipenderà da altre decisioni correlate. La legge di Bilancio e la politica economica dovrà essere un tutto coerente, non si fa a pezzi".

"È chiaro che c'è un bilancio da considerare - aggiunge Tria - e quindi se si diminuiscono le tasse, nel complesso, si dovrà contenere la spesa, oppure si può cambiare la composizione della pressione fiscale. Anche quella è una scelta in parte politica".

Fisco, sarebbe meglio avere più Iva e meno Irpef 
In Italia sarebbe meglio avere più Iva e meno Irpef. Lo ha affermato il ministro dell'Economia su Raitre, precisando che questa è una sua opinioni da economista. "È una mia posizione scientifica, un'opinione sulla composizione del prelievo fiscale, per cui è meglio avere più imposte indirette, come l'Iva, e meno dirette come l'Irpef". "Ma questo - ha aggiunto - non ha niente a che vedere con l'ammontare delle tasse". 

 
Condividi