ITALIA

Castellanza, Varese

Trovato il corpo della promoter scomparsa il 30 luglio

Il cadavere decapitato di Marilena Rosa Re era sepolto nell'orto dell'indagato, che ha indicato il punto dove scavare

Condividi
Il cadavere di Marilena Rosa Re, 58 anni, la promoter di Castellanza (Varese) scomparsa lo scorso 30 luglio, è stato trovato sepolto nell'orto di Vito Clericò, il 65enne di Garbagnate Milanese fermato ieri. Il corpo è stato decapitato.

Lo ha detto ai giornalisti il procuratore della Repubblica di Busto Arsizio, Gianluigi Fontana.

Ad indicare il luogo preciso dove era seppellito il corpo è stato lo stesso presunto assassino, che però non avrebbe confessato l'omicidio.

I lavori per dissotterrarlo sono cominciati questa mattina con l'ausilio anche del RIS di Parma e di un archeologo nominato dalla procura. Le accuse per Clericò, ex magazziniere dell'Esselunga, sono di omicidio e occultamento di cadavere, mentre la moglie potrebbe incorrere nel reato di sequestro di persona. La donna infatti sarebbe stata uccisa in casa della coppia dopo aver scoperto che i due avevano dissipato i 90mila euro che aveva affidato loro.

Re, promoter di professione ed ex imprenditrice assieme al marito, aveva un grosso debito con Equitalia dopo il fallimento della attività di famiglia e aveva prelevato, il 27 luglio, insieme alla moglie di Clerico', la somma per evitare che venisse pignorata. Il 30 luglio è scomparsa.
Condividi