MONDO

Trump: in vigore il "muslim ban" e giro di vite sulle città santuario

Condividi

Quando in Italia sono scoccate le due di notte, negli Stati Uniti è entrato ufficialmente in vigore - anche se solo parzialmente - il cosiddetto 'Muslim Ban' voluto dal presidente americano Donald Trump. Dopo mesi di battaglie legali, proteste e modifiche, l'ordine esecutivo che blocca temporaneamente l'ingresso in Usa ai cittadini in arrivo da sei nazioni prevalentemente musulmane (Libia, Iran, Somalia, Sudan, Siria e Yemen) è stato promosso dall'amministrazione come una misura necessaria per proteggere il popolo americano. 

L'operatività del bando prevede che potranno entrare sul suolo americano soltanto i cittadini di Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen che dimostreranno di avere un legame legittimo negli Stati Uniti, vale a dire un ricongiungimento famigliare, un interesse lavorativo, la relazione con qualche organizzazione americana (in primis ragioni di studio). Per questi varranno le normali - e già rigide - procedure d'ingresso.

Gli altri resteranno fuori, e l'ordine esecutivo di Trump resterà in vigore in questa forma almeno fino a ottobre, quando i giudici della Corte esprimeranno il proprio parere sulla costituzionalità del provvedimento, ossia cercheranno di capire se è in contrasto col Primo Emendamento, quello che garantisce la libertà religiosa.

L'analisi del Washington Post: non avrebbe salvato alcuna vita dagli attacchi terroristici
Eppure, scrive il Washington Post in un'analisi, le misure stringenti volute dalla Casa Bianca non avrebbero salvato alcuna vita da attacchi terroristici negli ultimi 20 anni.

Il quotidiano ha pubblicato un elenco di 24 attacchi compiuti negli Usa, da cui emerge un dato: nessuno sarebbe stato evitato grazie a questo travel ban. Nemmeno i dirottamenti dell'11 settembre 2001, che furono opera di 19 persone, nessuna delle quali proveniente da una delle nazioni presenti sulla lista 'nera' di Trump. I dirottatori erano cittadini di Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Libano. Lo stesso può essere detto del tentativo di detonare una bomba a bordo di un aereo diretto a Detroit (Michigan) da parte di un uomo nato in Nigeria o dell'attentato alla maratona di Boston (Massachusetts) dell'aprile 2013. Nemmeno la strage di San Bernardino (California) del 15 dicembre 2015 sarebbe stata evitata: è stata compiuta da una coppia composta da un cittatino nato in Usa e da uno pachistano. E la sparatoria al night club Pulse a Orlando (Florida) nel giugno 2016? Nemmeno quella: ad aprire il fuoco fu un ragazzo nato nel Queens (New York).

"E' chiaro che Trump e la sua amministrazione hanno abbracciato il travel ban come simbolo dei loro sforzi per combattere il terrorismo - conclude il Washington Post - non è tuttavia chiaro coma farà il ban a centrare l'obiettivo". Forse di questo la Corte Suprema terrà conto quando in autunno si occuperà del caso. Per il momento ha permesso l'entrata in vigore parziale di un provvedimento che è destinato a generare caos negli aeroporti. Anche per via di una clausola imposta dal massimo organo giudiziario Usa: Trump non può impedire l'ingresso nella nazione a chi ha relazioni in "bona fide" in Usa. L'amministrazione è corsa ai ripari fornendo direttive, ma non è escluso che il personale negli aeroporti faccia confusione.

Ok Camera a legge contro le città santuario immigrati
La Camera, controllata dai repubblicani, ha dato inoltre un nuovo giro di vite contro gli immigrati illegali approvando due nuove leggi. La prima è quella che sospende i finanziamenti federali alle 'città santuario', ossia le circa 300 città americane (da San Francisco a New York) che offrono protezione ai clandestini. La seconda, la 'Kate's law' - dal nome di una giovane uccisa da un pregiudicato irregolare ed espulso cinque volte -, aumenta le pene per gli stranieri cacciati che ritornano negli Usa.

Il presidente americano Donald Trump ha espresso il suo plauso per l'approvazione di quelle che ha definito ''due misure cruciali per salvare e proteggere vite americane'', in nome dello slogan 'Make America safe again', e ha invitato il Senato a fare altrettanto.

Condividi