MONDO

Seconda tappa del viaggio in Asia

Trump in Corea chiede a Russia e Cina di isolare regime di Pyongyang: "Ora è il momento della forza"

Per il Presidente USA  il "regime" nordcoreano è "una crudele dittatura" dove il popolo resiste a "torture, rapimenti e fame". 
"Un inferno che nessuna persona merita", ha detto anche Trump.  Annullata per il maltempo la visita in elicottero al confine con la Corea del Nord

Condividi
Momento-chiave per la lunga missione di Donald Trump in Asia: per il Presidente degli Stati Uniti inizia la visita a Pechino proprio nel giorno che segna un anno esatto dalla sua elezione alla Casa Bianca. Trump, accompagnato dalla first lady, Melania, è arrivato alla Città Proibita, nel cuore di Pechino, dove è stato accolto dal presidente cinese Xi Jinping e dalla moglie, Peng Liyuan. Le due coppie hanno preso assieme un te' prima di iniziare una visita dell'antica sede degli imperatori cinesi, che copre una superficie di circa 72 ettari. La Città Proibita, dove stasera è in programma una cena al Jianfu Palace, è la prima tappa della visita in Cina. E se con la Cina l'economia sarà il piatto forte del confronto per ora a dominare la sua visita è la questione sicurezza, con la minaccia della Corea del Nord che il Presidente affronta e descrive con toni di volta in volta diversi.

"Corea del Nord, ora è il momento della forza"
"Ora e' il momento della forza". Cosi' il presidente Donald Trump, sollecitando tutte le "nazioni responsabili" ad unirsi nell'isolare la Corea del Nord che ha definito "una crudele dittatura". "Non ci faremo intimidire", ha sottolineato Trump nel suo intervento davanti al parlamento di Seul. "Non accetteremo che le citta' americane vengano minacciate di distruzione" perche' gli Stati Uniti "non cercano la guerra ma non si tirerebbero indietro", ha avvertito, definendo quella di Pyongyang "la minaccia di un regime canaglia".

Piu' sforzi di Cina e Russia, isolare 'brutale regime' 
Trump ha sollecitato tutti i paesi, includendo Cina e Russia, a "isolare" Pyongyang: tutte "le nazioni responsabili - ha scandito  - devono unire le forze per isolare il regime brutale della Corea del Nord, rifiutando ogni forma di supporto, di
rifornimento o di consenso".
Trump ha esplicitamente menzionato Cina e Russia, chiedendo tra l'altro "la riduzione delle relazioni diplomatiche". 
 
Crudele dittatura che tortura rapisce e affama
Trump definisce il "regime" nordcoreano "una crudele dittatura" dove il popolo resiste a "torture, rapimenti e fame". Di fronte all'assemblea nazionale, il tycoon ricorda le torture inflitte allo studente americano Otto Warmbier, arrestato a Pyongyang per essersi appropriato di un striscione della propaganda.

La Corea del Nord "un inferno che nessuna persona merita", ha detto anche Trump. 

"Non ci sottovalutate. E non ci mettete alla prova"
 "Non ci sottostimare, non ci mettere alla prova".  E' l'avvertimento del presidente Donald Trump alla Corea del Nord, lanciato parlando davanti al parlamento di Seul. "Oggi spero di non parlare solo a nome dei nostri Paesi ma a nome di tutte le nazioni civilizzate", ha detto Trump.

Un anno alla Casa Bianca
 "Celebro con voi la mia elezione, esattamente un anno fa". Cosi' il presidente Donald Trump, parlando davanti all'Assemblea Nazionale della Corea del Sud, prima di elencare tutti i successi della sua amministrazione a dieci mesi dal suo insediamento alla Casa Bianca.

La nebbia blocca l'elicottero, annullata visita sul 38° Parallelo
IE no è mancato il fuori programma: Trump e' stato costretto ad annullare la visita alla zona demilitarizzata (Zdc) che separa le due Coree al 38esimo parallelo a causa del cattivo tempo. Lo ha reso noto il pool dei giornalisti al seguito del presidente. La Casa Bianca aveva escluso la visita all'area fortificata in occasione della missione di Trump nella Corea del Sud, per evitare provocazioni. Invece il miliardario ha tentato un giro questa mattina lasciando Seul in elicottero ma e' dovuto rientrare per il maltempo.





 
Condividi