Original qstring: print | /dl/rainews/articoli/Trump-vertice-con-Kim-Jong-un-il-12-giugno-a-Singapore-45b9173b-c436-4361-892c-eecb5f737995.html | rainews/live/ | (none)
Rai News
MONDO

Annuncio su Twitter

​Trump: vertice con Kim Jong-un il 12 giugno a Singapore

Il presidente Usa: "Cercheremo entrambi di renderlo un momento molto speciale per la pace nel mondo"

Lo storico vertice tra Donald Trump e Kim Jong-un si terrà a Singapore il prossimo 12 giugno. Lo rivela su Twitter il presidente americano. Trump ha poi scritto che "cercheremo entrambi di renderlo un momento molto speciale per la pace nel mondo!".

Ieri il capo della Casa Bianca aveva fatto sapere che l'incontro - il primo tra un presidente Usa e un leader nordcoreano - non si sarebbe tenuto come si pensava nella zona demilitarizzata lungo il confine tra le due Coree e che l'annuncio ufficiale della data e del luogo sarebbe arrivato a breve.


"Presi in Iraq 5 leader dell'Isis"
Sempre su Twitter il presidente scrive: i ''cinque leader più ricercati dell'Isis appena catturati!''. L'intelligence irachena ha confermato la notizia degli arresti, ma non ha fornito alcun dettaglio sul ruolo avuto da americani e turchi. I leader dell'Isis arrestati sono Saddam Al-Jamal, Omar Shahab Al-Karbouli, Issam Al-Zawba'ie, Mohammed Al-Qadir e Ismail Alwaan al-Ithawi, conosciuto come Abu Zeid al-Iraqi. Ithawi, descritto dalle autorità irachene come un alto consigliere del leader dell'Isis, Abu Bakr al-Baghdadi, viveva in Turchia. 

Le autorità turche avrebbero arrestato Ithawi lo scorso 15 febbraio, consegnandolo poi all'Iraq. L'intelligence irachena e statunitense avrebbero poi, per settimane, interrogato Ithawi, ottenendo informazioni sulla posizione di altri leader dell'Isis. La coalizione guidata da Washington ha usato queste informazioni per lanciare un raid, a metà aprile, nel distretto di Deir el-Zour, in Siria, in cui sono morti 39 presunti membri dell'Isis. 

Poi, costretto sempre dall'intelligence, Ithawi ha contattato diversi miliziani dell'Isis che si nascondevano in Siria, convincendoli a varcare il confine. Le autorità irachene li hanno arrestati non appena sono entrati nel Paese. Curioso che Trump abbia dato l'annuncio non appena la notizia è stata diffusa da Fox News, citando proprio il New York Times.