MONDO

La stampa nel mirino di Erdogan

Turchia: arrestato il corrispondente del quotidiano tedesco 'Die Welt'

Deniz Yucel
Condividi
Il corrispondente in Turchia del quotidiano tedesco Die Welt, Deniz Yucel, è in stato di arresto da martedì in Turchia. Lo ha reso noto la redazione del giornale, precisando che la sua abitazione è stata perquisita. Yucel si era presentato spontaneamente alla polizia. Il giornalista col doppio passaporto turco e tedesco è stato arrestato dalla polizia in relazione ai suoi articoli sul pirataggio della e-mail di Berat Albayrak, ministro dell'Energia e genero del presidente turco, Recep Tayyip Erdogan.
 
Secondo la Welt altri sei giornalisti turchi sono stati arrestati in relazione alla stessa vicenda, tre dei quali sono ancora in carcere.  In particolare l’inchiesta che ha portato all’arresto di Deniz Yucel riguarda 57mila mail, inviate a Wikileaks,  che erano state sottratte al ministro dell’energia da un gruppo di hacker. Dalle mail, pubblicate da diversi organi di stampa, si potrebbe dedurre che il ministro dell’energia turco fosse al corrente di attività di commercio di petrolio che arrivava in Turchia da zone della Siria controllate dall’Isis.
 
Il caporedattore del quotidiano tedesco, Ulf Poschardt ha dichiarato: "Il governo turco ribadisce di rispettare lo stato di diritto. Siamo fiduciosi, le verifiche proveranno la sua innocenza",.
 
Dal colpo di stato del 15 luglio in Turchia, sono oltre 100 i giornalisti arrestati senza processo, 170 organi di stampa sono stati chiusi e 775 tessere giornalistiche annullate. Alcuni giornalisti stranieri come Rob Nordland del New York Times, Dion Nissenbaum del Wall Street Journal e Olivier Bertrand di Les Jours sono stati arrestati o espulsi.
 





 
Condividi