SPETTACOLO

Ancora un successo su Rai 1

Tv, Andreatta: "Don Matteo conquista anche i giovani"

Per il ritorno di Terence Hill il 27% di share sul pubblico sotto i 25 anni

Condividi
Con 7,6 milioni di telespettatori e il 31,6% di share, la prima puntata dell'undicesima stagione di Don Matteo, in onda ieri sera su Rai1, segna un nuovo grande successo per la fiction Rai.

Nel corso della serata gli ascolti hanno raggiunto punte superiori agli 8,6 milioni di telespettatori e il 37% di share conquistando indistintamente tutti i pubblici e, in particolar modo, quello di età inferiore ai 25 anni: lo share raggiunto tra gli individui 4-24 anni è del 27%. In evidenza nello specifico i risultati conseguiti sul pubblico femminile 8-14 anni (30,5% di share) e 15-24 anni (32,5% di share) e su quello maschile 15-24 anni (share 30%).

Rilevanti anche gli ascolti sul pubblico della pay-tv (share 26%) e sui telespettatori con alta scolarizzazione (istruzione superiore: 30,1%; laureati: 28,1%). I dati ripartiti per le macro aree geografiche del nostro paese, infine, (Nord Ovest: 32,6%; Centro: 32,1%; Sud: 37,5%; Isole: 35,5%) confermano ancora una volta la grande forza aggregatrice della serie.

''Questi risultati, in un panorama audiovisivo caratterizzato dalla costante frammentazione del pubblico, attestano il carattere di una fiction profonda e ricca di contenuti che, con il suo inconfondibile mix di giallo, sentimenti, commedia e profondità umana e spirituale, continua a divertire ed emozionare il grande pubblico italiano", commenta Eleonora Andreatta, direttrice di Rai Fiction.

"In particolare - prosegue Andreatta - il dato sul target under 25 rende Don Matteo 11 la fiction più giovane di Rai1 nell'ultimo biennio e rappresenta il segno tangibile della capacità del prodotto di parlare anche a un'audience nuova". "Il successo di Don Matteo - aggiunge - si deve innanzitutto alla bravura e generosità di tutto il cast capitanato da Terence Hill, che con la sua interpretazione continua a infondere al personaggio una straordinaria empatia e profondità, e da Nino Frassica, re della commedia, ma anche straordinario interprete di tutta la gamma dei sentimenti di cui in questa serie è ricca. Senza contare la new entry Maria Chiara Giannetta, quest'anno al comando della Caserma dei Carabinieri".

"Fondamentale anche la forza delle storie che gli autori hanno saputo creare, la modernità della regia e il lavoro editoriale di innovazione compiuto insieme alla Lux Vide su questa serie che ha permesso di continuare a raccogliere un pubblico vasto, intercettando la modernità, e sintonizzandosi con il vissuto e le esigenze contenutistiche del paese'', conclude.
Condividi