MONDO

Bruxelles annuncia nuova riunione sulla questione gas

Ucraina, al via le nuove sanzioni Ue e Usa contro la Russia. Mosca avverte: "A rischio la pace"

Van Rompuy sottolinea però che il pacchetto a fine settembre "potrebbe essere modificato o sospeso"; Usa al fianco dell'Europa. La reazione del Cremlino: "Daremo risposte adeguate" e minaccia limiti alle importazioni di auto e tessuti. Poroshenko: il 16 settembre sarà ratificato accordo di associazione con l'Ue

Condividi
Al via da oggi al nuovo pacchetto di sanzioni Ue contro Mosca. A fianco dell'Europa gli Stati Uniti di Barack Obama che annuncia: gli Usa "si uniscono" alla Ue nella "risposta alle azioni illegali in Ucraina".

Le sanzioni americane colpiranno finanza, energia e difesa. Quelle europee, messe a punto prima della firma del cessate-il-fuoco ma l'accordo è arrivato ieri, restringeranno l'accesso ai mercati finanziari europei non solo delle cinque banche controllate dallo stato già colpite a fine luglio, ma anche di tre produttori di armi e dei tre giganti del petrolio Transneft, Rosneft e Gazprom-neft. Non è consentito lo scambio di obbligazioni, azioni e altri strumenti la cui durata supera i 30 giorni emessi dalle stesse banche. Sono poi state aggiunte altre 24 persone, fra cui oligarchi russi, nella lista dei soggetti colpiti dal congelamento dei beni finanziari e dalla sospensione del visto di viaggio. 

Il presidente uscente del Consiglio europeo, Herman van Rompuy, sottolinea però che a fine settembre l'Ue potrebbe sospendere o modificare il pacchetto di sanzioni sulla base degli sviluppi sul terreno del processo di pace.

La risposta di Mosca 
La Russia ha bollato come "illegittime" ed un atto ostile la nuova tornata di sanzioni europee e ha fatto sapere che sono già pronte le misure necessarie per rispondere all'Ue. Mosca minaccia ritorsioni che potrebbero colpire i settori dell'auto e dell'abbigliamento. Il portavoce del ministero degli Esteri avverte 'a caldo' che le misure europee "rappresentano una linea assolutamente non amichevole, che contraddice gli interessi della stessa Ue". Il ministro degli Esteri Serghiei Lavrov va oltre: "Con l'adozione di queste misure l'Ue ha di fatto compiuto la sua scelta contro il processo per una soluzione pacifica della crisi ucraina".

È bastato l'annuncio del nuovo round di sanzioni Ue che il rublo è crollato al nuovo minimo storico: a 37,51 per un dollaro Usa, 48,41 per un euro.

Minaccia del gas
Per ora nelle contro-sanzioni russe non viene fatto cenno a tagli del gas, di cui si discuterà nel trilaterale Ue-Ucraina-Russia fissato a Berlino per il 20 settembre. Ma intanto la Polonia fa sapere che il flusso nel giro degli ultimi due giorni è tanto improvvisamente quanto misteriosamente calato del 45%. E anche la Slovacchia segnala ridotte forniture gas da Russia. Ufficialmente potrebbe trattarsi anche di ragioni tecniche. Ma il sospetto che siano "pilotate" è molto forte, perché entrambi i paesi fanno il reverse flow verso l'Ucraina.

Poroshenko: 16 settembre ratifica associazione con Ue
Il Parlamento ucraino si riunirà martedì prossimo per ratificare l'accordo di associazione con l'Unione Europea. Lo ha annunciato il presidente Petro Poroshenko che ha sottolineato che la ratifica di questo accordo politico e commerciale sarà un "momento storico" per il Paese.

 
Condividi