Tutte le notizie di Rai News - ultime notizie in tempo reale - home page, logo rai news Torna su
MONDO

Crisi in Ucraina

Ucraina, Ue vara sanzioni contro vertici intelligence russa. Mosca: decisioni "irresponsabili"

Altri 15 persone e 18 entità russe e filorusse finiscono nella lista "nera" di Bruxelles. La risposta di Mosca:"Sanzioni irresponsabili, a rischio la cooperazione sulla sicurezza"

Ucraina (Ap)
Condividi
L'Unione Europea ha ampliato le sanzioni adottate nei confronti della Russia per il suo coinvolgimento nel conflitto in Ucraina, imponendole anche contro i vertici dell'intelligence di Mosca. La lista "nera" di persone ed entità oggetto di congelamento di beni e divieto di viaggio sottoposti a sanzioni da Bruxelles è stata aggiornata aggiungendo 15 nuove persone e 18 entità russe e filo-russe.

Nella lista i capi dei servizi segreti russi
Tra i nomi sottoposti a sanzione spiccano quelli del capo del Servizio federale di sicurezza (Fsb) Nikolai Bortnikov e del capo dei servizi segreti, Mikhail Fradkov, accusati da Bruxelles di "aver contribuito all'elaborazione della politica del governo russo contro l'integrità territoriale, la sovranità e l'indipendenza dell'Ucraina".

C'è anche il Presidente ceceno Ramzan Kadyrov che secondo l'Ue, ha fatto "dichiarazioni in favore dell'annessione illegale della Crimea e dell'insurrezione armata in Ucraina". All'inizio di giugno, si era detto pronto a inviare 74 mila volontari ceceni in Ucraina.

Tra le entità colpite dalle nuove misure, figurano diverse milizie e gruppi armati illegali come l'Esercito separatista del Sud-est e numerose aziende con sede in Crimea.

Mosca: sanzioni irresponsabili
"Le nuove sanzioni decise dall'Ue sono irresponsabili: simili decisioni saranno accolte con entusiasmo dai leader del terrorismo internazionale". Questo il commnento, affidato ad una nota, del ministero degli Esteri russo. L'Unione Europea "ha così messo a rischio la cooperazione internazionale sulla sicurezza".

Sanzioni contro il McDonald's
La tensione tra Occidente e Mosca passa anche attraverso la catena di fast food simbolo dell'American way of life, sotto accusa per le troppe calorie. L'agenzia federale russa per la protezione dei consumatori Rospotrebnazdor ha avviato un'azione legale contro McDonald's per vietare una serie di cibi che figurano sul menù. "Abbiamo identificato violazioni che pongono l'intera catena di McDonald's in dubbio", afferma il capo il capo dell'agenzia, Anna Popova, citata da Interfax, riferendosi ad una inchiesta condotta in giugno. 

Continuano i combattimenti
Intanto proseguono i violenti combattimenti a Lugansk, capitale dell'autoproclamata Repubblica secessionista dell'Ucraina orientale. I militari di Kiev si preparano a un assalto contro Donetsk, bastione della ribellione separatista. 
Condividi