Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Un-omaggio-a-Toto-apre-il-18-Festival-del-cinema-europeo-di-Lecce-38e3dd93-f01b-469c-8d88-4e9a97ad04d4.html | rainews/live/ | true
SPETTACOLO

Dodici i film in concorso

Un omaggio a Totò apre il 18° Festival del cinema europeo di Lecce

Con la direzione di Alberto La Monica e Cristina Soldano, la rassegna si tiene fino all'8 aprile, nella multisala Massimo

Condividi
Al via la 18a edizione del Festival del Cinema Europeo di Lecce. La rassegna si tiene fino all'8 aprile, con la direzione di Alberto La Monica e Cristina Soldano, nella multisala Massimo.

Il Festival apre il sipario con un particolare omaggio dedicato al Principe Antonio De Curtis: stasera proiezione in anteprima mondiale del restauro di 'Chi si ferma è perduto' di Sergio Corbucci, realizzato a cura della Cineteca Bologna e Titanus, presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata, con il contributo del Festival del Cinema Europeo.

La proiezione sarà presentata dal direttore della Cineteca di Bologna Gianluca Farinelli e si terrà alla presenza della nipote dell'attore, Elena Alessandra Anticoli De Curtis, e con la partecipazione straordinaria di Carlo Croccolo, che riceverà l’Ulivo d’Oro alla Carriera a pochi giorni dal suo 90° compleanno.

Nel corso della rassegna sono previsti inoltre gli omaggi a tre protagonisti del cinema italiano come Isabella Ferrari, Valerio Mastandrea e Citto Maselli; e a tre del cinema internazionale, il turco Nuri Bilge Ceylan (con una masterclass condotta da Ferzan Ozpetek), la polacca Agnieszka Holland e l'inglese Stephen Frears. In concorso saranno presentati 12 film: 'A date for mad Mary', di Darren Thornton (Irlanda, 2016); 'A taste for ink', di Morgan Simon (Francia, 2016); 'Album', di Mehmet Can Mertoğlu (Turchia, Francia, Romania, 2016); 'Forest, 4 am.' , di Jan Jakub Kolski (Polonia, 2016); 'Home is here', di Tereza Kotyk (Austria, 2016); 'In the blood'', di Rasmus Heisterberg (Danimarca, 2016); 'Living and other fictions', di Jo Sol (Spagna, 2016); 'My happy family', di Nana & Simon (Georgia, 2017); 'Rosemari', di Sara Johnsen (Germania, Danimarca, Norvegia, 2016); 'The constitution', di Rajko Grlić (Croazia, Repubblica Ceca, Slovenia, 2016); 'When the day had no name', di Teona Mitevska (Belgio, Repubblica di Macedonia, 2017) e 'Hands of a mother', di Florian Eichinger (Germania, 2016).

In programma anche una sezione dedicata alla commedia e quella del cinema e realtà, mostre, incontri, i corti del Premio Emidio Greco e la settima edizione del premio "Mario Verdone" per un esordiente, nei 100 anni della nascita del critico. I finalisti sono stati annunciati dai figli Carlo e Luca Verdone: sono Marco Danieli per "La ragazza del mondo", Fabio Quaglione e Fabio Resinaro per "Mine", Michele Vannucci per "Il grande sogno". Menzione speciale a Gabriele Mainetti per "Lo chiamavano Jeeg Robot", debutto fulminante e grande successo della passata stagione.
Condividi