MONDO

Una fabbrica in casa

Siberia, restaurava armi della I e II guerra mondiale e le rivendeva perfettamente funzionanti

Condividi


Un abitante della città di Barnaul, nel sud-ovest della Siberia, aveva allestito nella propria abitazione una vera e propria fabbrica di armi da guerra. Secondo quanto scoperto dalla polizia russa, l’uomo comprava al mercato nero armi fuori uso risalenti alle due guerre mondiali e con molta probabilità, dopo averle rimesse a posto, le rivendeva perfettamente funzionanti.

Gli agenti hanno sequestrato un vero e proprio arsenale di armi pronte all’uso, tra cui un fucile mitragliatore tedesco della Seconda guerra mondiale MP-38, due pistole di fabbricazione sovietica degli anni 30-40 “TT”, una pistola tedesca della Grande guerra, “Luger” classe 1913, alcune pistole “PM” (arma d’ordinanza della polizia e dell’esercito russo), un fucile automatico sovietico MZ 21-12 del 1958 e 700 pallottole di calibri diversi.
Condividi