Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Una-miniera-di-videogame-storici-sul-web-giocabili-gratis-27a41440-ebcc-4807-87ef-18bd0ead1a1a.html | rainews/live/ | (none)
TECH

Fenomeno retrogaming

Una miniera di videogame storici sul web

L'Internet Archive pubblica su internet centinaia di grandi classici degli anni Settanta e Ottanta. Chiunque può giocarci liberamente e gratuitamente sul proprio browser

Commando, storico gioco per Atari 7800
Condividi
di Andrea Bettini Quest’anno Babbo Natale ha pensato agli appassionati di videogiochi. Il regalo però non è arrivato sotto l’albero, ma sul web. A confezionarlo è stato l’Internet Archive, un’organizzazione no-profit che sul proprio sito ha pubblicato centinaia di videogame storici degli anni Settanta e Ottanta, giocabili liberamente e gratuitamente da chiunque sul proprio browser.

Pochi clic per tornare indietro nel tempo 
L’archivio contiene titoli d’epoca di cinque console rimaste nel cuore di tanti videogiocatori: Atari 2600, Atari 7800, ColecoVision, Magnavox Odissey 2 e Astrocade. Bastano pochi clic per tornare indietro nel tempo e riscoprire grandi classici come Donkey Kong, Pac Man, Commando e Space Invaders. “Un esercito di volontari sta aggiornando le informazioni sui giochi disponibili e li migliorerà nei prossimi giorni”, scrive Jason Scott sul blog dell’Internet Archive. “Non ci sono ancora i suoni, ma arriveranno presto”.

Giochi non coperti da copyright 
I videogiochi sono stati messi a disposizione perché non sono più coperti da copyright. Si tratta, in gergo tecnico, dei cosiddetti “abandonware”. Possono quindi essere utilizzati senza violare il diritto d’autore. Un nostalgico tuffo nel passato assolutamente legale.

La moda del retrogaming 
La pratica di giocare con i videogame d’epoca, il cosiddetto retrogaming, è sempre più di moda. I ragazzini degli anni Settanta e Ottanta sono cresciuti, ma non hanno dimenticato le sfide a colpi di joystick che hanno caratterizzato la loro infanzia. Esiste anche un vero e proprio mercato di console usate: i pezzi più rari possono valere anche più di mille euro. 
Condividi