SPORT

Finale del torneo continentale a Cracovia

Under 21. Germania campione d'Europa, la girata di testa di Weiser stende la Spagna

Il gol che vale il titolo arriva nel finale di primo tempo. A inizio partita palo di Meyer. Per i tedeschi è il secondo trionfo, dopo il 2009

Condividi
Germania campione d'Europa Under 21 per la seconda volta nella sua sotia (la prima fu nel 2009). I ragazzi di Kuntz superano 1-0 la Spagna nella finale di Cracovia col gol di Weiser nel finale di prima frazione. La Spagna brillante, soprattutto nella ripresa, che aveva travolto gli azzurrini in semifinale è una lontana parente della squadra vista contro i tedeschi. E all'Italia, che ha chiuso terza con l'Inghilterra questa edizione, resta la piccola consolazione di aver battuto la Germania (1-0) nella partita del girone.

I tedeschi puntano a non far crescere il ritmo agli iberici e, nel primo tempo, reiscono facilmente nell'impresa. Al 7' Meyer di testa dal limite dell'area centra il palo su lancio di Gerhardt. Dall'altra parte, la girata di testa di Bellerin sfila a lato sotto gli occhi del preoccupato Pollersbeck. Gnabry sale in cattedra. Il 21enne neoacquisto del Bayern controla un difficile pallone e scarica sull'esterno della rete. Poi, su azione d'angolo, ci prova due volte con Kepa che alla fine riesce a bloccare. Al 40' cambia il risultato: fuga sulla destra e cross di Toljan, girata di testa beffarda di Weiser che supera Kepa. Sarà il gol partita.

La ripresa si apre col cambio di ritmo della Spagna. La Germania va un po' in sofferenza, ma il tutto dura meno di un quarto d'ora. Gran controllo di Saul e sinistro dal limite che Pollersbeck manda in corner: questa è la sintesi del buon momento dei ragazzi di Celades. Ed è anche il confine prima della ripartenza tedesca. Weiser ne semina tre sulla destra e tocca per Meyer che arriva a rimorchi, Vallejo si immola ed evita il gol. Lo stesso Meyer recupera sulla trequarti e lancia Gnabry, Kepa in uscita riesce a toccare con la punta del piede. Sempre Gnabry, lanciato da Gerhardt, allarga la mira. Nell'ultimo quarto d'ora la Spagna rialza la testa. Ottima inizitiva di Ceballos che ci prova dal limite, fuori di un nulla. Deulofeu si fa largo in area, Stark è una diga. quattro minuti di recupero passano sotto il totale controllo dei nuovi campioni d'Europa.
Condividi