SCIENZA

A disposizione di tutti

L'Università di Cambridge pubblica la tesi di dottorato di Stephen Hawking: è record di download

In 24 ore è stata scaricata quasi 60mila volte, tanto da mandare in tilt il sito dell’ateneo. Il commento dello scienziato: "Speriamo che le persone non rimangano deluse ora che possono accedervi"

Condividi
Nell’archivio a libero accesso dell’Università di Cambridge è stata pubblicata la tesi di dottorato del fisico britannico Stephen Hawking, scritta nel 1966. In 24 ore la tesi dal titolo “Properties of Expanding Universes”, che parla delle implicazioni e conseguenze dell’espansione dell’universo, è stata scaricata quasi 60mila volte, tanto da mandare in tilt il sito dell’università per qualche ora.

La pubblicazione della tesi, di 134 pagine e scritta a macchina nelle parti discorsive e a mano per riportare le formule matematiche, è stata vista dall'Università come una grande "occasione per dare nuovo impulso alla diffusione delle conoscenze".


La soddisfazione di Hawking
Il via libera di Hawking vuole essere un buon esempio per i tanti colleghi dell’ateneo britannico (che vanta 98 premi Nobel) perché autorizzino la divulgazione dei propri lavori. "Chiunque e ovunque nel mondo dovrebbe avere accesso libero e senza impedimenti non solo alla mia ricerca, ma anche alle ricerche di qualunque grande mente che si interroga sullo spettro dell’umana comprensione", ha detto Hawking.

"È bellissimo sentire quante persone abbiano già scaricato il mio lavoro. Speriamo che non rimangano delusi ora che possono accedervi", ha aggiunto commentando con un velo di ironia la notizia del record di download.

La tesi di Stephen Hawking 
  

Una vita dedicata alla ricerca
La notorietà di Hawking è legata alle sue scoperte scientifiche: raggiunse fama internazionale grazie alla pubblicazione nel 1988 del saggio di divulgazione scientifica Dal big bang ai buchi neri e più recentemente con il film La teoria del tutto, uscito nel 2014. La sua tesi è tra le più richieste tra quelle pubblicate a Cambridge, ma finora per leggerla era necessario pagare 65 sterline oppure andare fisicamente in biblioteca. 
Condividi