Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Uomo-paralizzato-torna-a-camminare-dopo-trapianto-di-cellule-bd57c1db-e653-423d-a1db-5755e5c75592.html | rainews/live/ | true
SALUTE

Tecnica rivoluzionaria

Un uomo paralizzato torna a camminare dopo un trapianto di cellule olfattive

I chirurghi polacchi in collaborazione con scienziati britannici hanno trapiantato cellule del sistema olfattivo del paziente nel midollo spinale. Il risultato è stato paragonato alla prima volta che l'uomo è sbarcato sulla Luna

Condividi
Darek Fidyka, bulgaro di 40 anni, sarebbe la prima persona al mondo ad aver recuperato la mobilità dopo una lesione completa del midollo. Il vigile del fuoco, paralizzato dalla vita in giù, oggi può camminare con l'aiuto di un girello e può addirittura guidare l'auto, grazie a una tecnica rivoluzionaria sperimentata all'University College London. Il risultato impressionante è stato paragonato alla prima volta che l'uomo è sbarcato sulla Luna.  

Il midollo spinale di Fidyka era stato tagliato a metà circa quattro anni fa, nel 2010, durante un accoltellamento. I danni subiti erano simili a quelli dell'attore Christopher Reeve dopo una caduta da cavallo. Mentre in passato alcune vittime di lesioni spinali parziali hanno recuperato, una rottura completa è considerata generalmente irreparabile.

Il trapianto
Secondo il sito della Bbc, il trattamento compiuto da chirurghi polacchi in collaborazione con scienziati britannici, si è basato su un trapianto di cellule del suo sistema olfattivo inserite nel midollo spinale. Le cellule olfattive di fatto agiscono come cellule che aiutano le fibre nervose del sistema olfattivo a rinnovarsi continuamente. Nella prima delle due operazioni i chirurghi hanno rimosso uno dei bulbi olfattivi del paziente e hanno coltivato le cellule in coltura. Due settimane più tardi hanno trapiantato queste cellule nel midollo spinale spezzato dalle coltellate. Sono state circa 100 le micro-iniezioni praticate sopra e sotto la lesione, mentre 4 sottoli sctrisce di tessuto nervoso (prelevato dalla caviglia) sono state poste sulla lesione (di 8 mm).

La riabilitazione
Dopo il trapianto, il paziente ha intrapreso un percorso di potenziamento muscolare, cinque ore al giorno, cinque giorni a settimana, all'Akson Neuro-Rehabilitation Center di Wroclaw. Tre mesi dopo l'operazione, Fidyka ha iniziato a recuperare il muscolo della gamba sinistra e a percepire caldo, freddo e puntura di aghi nella parte inferiore del corpo. Sei mesi dopo l'intervento, era in grado di muovere i primi passi con il supporto di un fisioterapista. Ora, a due anni dal trapianto, può camminare al di fuori del centro di riabilitazione utilizzando una sorta di imbracatura.

Pawel Tabakow, consulente neurochirurgo presso il Wroclaw University Hospital, che ha guidato il team di ricerca polacca, ha dichiarato: "E' incredibile vedere come la rigenerazione del midollo spinale, qualcosa che si pensava impossibile per molti anni, sta diventando una realtà".
Condividi