Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Us-Open-Fabbiano-batte-Thiem-e-si-conferma-ammazza-grandi-ee14c5c1-3e94-424f-a248-3bab5e0eea5c.html | rainews/live/ | true
SPORT

Tennis

Us Open, Fabbiano batte Thiem e si conferma "ammazza grandi"

Thomas Fabbiano esulta agli Us Open (Ansa)
Condividi
Agli Us Open di New York, Thomas Fabbiano compie un'altra impresa. Il tennista italiano, n.87 del mondo, ha eliminato con il punteggio di 6-4, 3-6, 6-3, 6-2, in due ore e 24 minuti di gioco, il 25enne austriaco Dominic Thiem, numero 4 del ranking e del seeding mondiale e più giovane di lui di ben 5 anni. Il pugliese ha superato l'austriaco unendosi alla pattuglia di italiani qualificati al secondo turno composta da Sonego e Berrettini. Niente da fare per Marco Cecchinato, eliminato dallo svizzero Laaksonen, numero 119 del ranking.

Per Fabbiano vincere sovvertendo clamorosamente i pronostici quest'anno sta diventando una piacevole abitudine: l'azzurro questa estate, infatti, è riuscito a ritagliarsi un ruolo di outsider all'interno del calendario mondiale grazie a una scalata a dir poco spettacolare. Fino al giugno 2019, il tennista di Grottaglie (Taranto) non aveva mai battuto uno dei migliori 30 giocatori della classifica Atp. Dal torneo di Eastbourne in poi ha battuto in sequenza un top 30 (ovvero Djere), un top 25 (che risponde al nome di Gilles Simon) e un top 10 (grazie al successo maturato a Wimbledon contro il greco Tsitsipas).

A questa sequenza di vittime illustri si aggiunge da ieri Dominic Thiem: sul cemento a stelle e strisce del torneo di Flushing Meadows, Fabbiano è stato in grado di ripetere l'impresa.

La sua corsa è partita il 26 giugno con il successo su Djere in due tie-break ottenuto al torneo di Eastbourne, quando il tennista pugliese si è imposto contro la testa di serie numero due della rassegna Atp con il punteggio di 7-6(5), 7-6(6). A rendere ancora più memorabile il torneo sull'erba di Eastbourne è stata la vittoria contro Gilles Simon con un 6-4 6-3, in poco meno di 90 minuti. Il vero punto di svolta della stagione dell'azzurro è però Wimbledon. Sull'erba più ambita del circuito, Fabbiano è riuscito a dettare legge contro Stefanos Tsitsipas, accreditato addirittura per la vittoria finale. Sui campi britannici, luogo in cui lo sport lascia il posto alla leggenda, Fabbiano si è ritagliato un pezzo di Storia ottenendo il pass per il turno successivo sbarazzandosi del giovane talento greco, il più vincente di tutti nel 2019. "La vittoria su Tsitsipas a Wimbledon mi ha dato enorme fiducia nei miei mezzi. Non ho mai mollato un punto, dall'inizio alla fine", ha dichiarato in queste ore l'azzurro. E la vittoria di ieri è anche figlia di quella di Wimbledon. Comunque vada, Fabbiano, che non ha mai vinto un torneo Atp, ha ottenuto a New York l'ennesima grande soddisfazione di questo anno fantastico per lui.
Condividi