Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Usa-trump-se-shutdown-continua-dichiaro-emergenza-nazionale-e-non-vado-a-World-Economic-forum-davos-6c990be4-7d03-4a6f-913b-1d53eb21f19a.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Stamane il Presidente Usa al confine con il Messico

Usa, Trump: "Se lo shutdown continua dichiaro emergenza nazionale"

Il Presidente degli Stati Uniti ha anche fatto sapere che non andrà al World Economic Forum di Davos, il prossimo 22 gennaio, se negli Stati Uniti proseguirà lo stallo

Condividi
​"Non sono ancora pronto a dichiarare l'emergenza nazionale, ma lo farò se continua lo shutdown": lo ha detto Donald Trump prima di partire per il confine con il Messico. "L'emergenza nazionale - ha aggiunto - mi darebbe ammontare enorme di fondi", quelli necessari per realizzare il muro al confine senza passare per l'autorizzazione del congresso. "Ho l'opzione" di fare quella mossa, ha spiegato.

"Probabilmente la compierò" se falliscono le trattative per ottenere dal Congresso i fondi necessari per finanziare la barriera. Lui sostiene che il suo partito, quello repubblicano, è "unito" nel difendere la sua linea, respinta ripetutamente dall'opposizione democratica che dal 3 gennaio è di nuovo in controllo della Camera. I democratici sono d'accordo nel potenziamento dei confini Usa ma credono che un muro sia inutile e costoso oltre che immorale.

Se prosegue lo stallo niente partecipazione al World Economic Forum
Il presidente americano, Donald Trump, ha confermato le indiscrezioni del Wall Street Journal: se lo shutdown - giunto al ventesimo giorno - continuerà, non si recherà come aveva previsto al World Economic Forum. Il summit del gotha della finanza e dell'imprenditoria è in calendario a Davos, sulle Alpi svizzere, dal 22 al 25 gennaio prossimi. Lo ha detto lui stesso prima di lasciare la Casa Bianca per volare in Texas, al confine con il Messico. A margine del forum è previsto il suo incontro con il vicepresidente cinese, Wang Qishan, continuando così le discussioni dopo i tre giorni di negoziati commerciali tra Usa e Cina che si sono conclusi ieri a Pechino tra delegazioni di medio livello.
Condividi