Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Utrecht-arrestato-il-sospetto-autore-della-sparatoria-sul-tram-6c26a099-c3a9-4bce-8a61-5265ba2ac206.html | rainews/live/ | true
MONDO

Olanda

Utrecht, arrestato l'autore della sparatoria sul tram. 3 i morti

5 le persone ferite, tre in modo grave. Ancora ignoto il movente alla base dell'assalto messo a segno da Gokmen Tanis, 37enne di origini turche. Spuntano motivi familiari, la polizia segue tutte le piste compresa quella del terrorismo

Condividi

Gokmen Tanis, il sospetto della sparatoria di Utrecht in cui sono morte tre persone e 5 sono rimaste ferite (tre in modo grave), è stato arrestato in un raid nel centro storico della città. Lo ha detto il capo della polizia al termine di una conferenza stampa nel corso della quale si stava facendo il punto della situazione.


Tanis ha vari precedenti penali per furto, danneggiamenti, tentato omicidio e al momento, secondo la radio pubblica olandese, sarebbe coinvolto in un procedimento per stupro.

La polizia olandese ha fatto sapere di aver arrestato un secondo uomo, in relazione alla sparatoria. In una nota, le autorità spiegano che il secondo sospettato potrebbe essere coinvolto nei fatti. La polizia conferma anche di aver riportato il livello di allerta a Utrecht a 4, dal massimo livello di 5, sottolineando però che "ricerche sono ancora in corso in vari luoghi, tra cui nelle vicinanze di 24 oktoberplein" dove è avvenuta la sparatoria.

Il padre: "Non ci parlo da 11 anni"
"Non parlo con mio figlio da 11 anni" ha detto Mehmet Tanis, padre del sospetto killer di Utrecht, parlando con i media turchi. "Non conosco la sua situazione psicologica", ha spiegato l'uomo, che oggi vive in Turchia, aggiungendo però che "in passato non aveva comportamenti aggressivi". "Non so cosa sia successo. Ma se è stato lui, deve essere punito", ha concluso.

Spuntano motivi familiari, la polizia segue tutte le piste
Intanto, si fa strada l'ipotesi che a spingere Gokmen a sparare siano stati motivi familiari. Sono suoi congiunti intervistati dall'agenzia turca Anadolu a sostenerlo. Tanis potrebbe aver sparato anche a chi avrebbe cercato di aiutare la prima persona compita. Un portavoce della polizia, Bernard Jens, ha assicurato che "tutti gli scenari restano aperti, quindi anche il movente familare. Ma - ha aggiunto - dobbiamo capirlo bene, non posso dire nulla al riguardo".

Anche i residenti dei quartieri di Utrecht, Kanaleneiland e Lombok, che conoscono il sospetto fuggitivo e sono stati sentiti dai media locali, pensano che alla base del gesto non ci sia un movente terroristico. "Certo, ha avuto periodi in cui ha vissuto come musulmano praticante, si è fatto crescere la barba e indossava abiti lunghi. Ma poi in altri periodi si è dato all'alcol e ha attraversato periodi di instabilità", hanno raccontato.

Zabit Elmaci, che ha lavorato con Tanis in un ristorante, ha raccontato che il 37enne è peggiorato due anni fa dopo aver divorziato dalla moglie. Alcune fonti sostengono che la prima persona a cui ha sparato fosse la sua ex, altri fanno riferimento alla famiglia dei genitori della donna.

Il premier Rutte: movente dell'attacco non ancora chiaro
Il movente dell'attacco "non è ancora chiaro". Lo ha detto il premier olandese, Mark Rutte, in una conferenza stampa con il ministro della Giustizia, Ferdinand Grapperhaus, aggiungendo che "ci sono molte domande" a cui va data ancora una risposta. "E' un attacco, tre persone sono morte. Resta da stabilire se abbia un movente terroristico, ma non minimizziamolo", ha aggiunto il premier parlando ai giornalisti dopo l'arresto di Tanis.

Condividi