Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/VERONESi-CONSUMO-di-CARNE-DA-ELIMINARE-DEL-TUTTO-846c5c50-48f8-42d8-a5d5-ddb63fd5fd77.html | rainews/live/ | true
SALUTE

Nuovi fattori rischio cancro

Umberto Veronesi: "Consumo di carne da eliminare del tutto"

L'oncologo commenta lo studio dell'OMS sulla relazione tra il consumo di carne rossa, in particolare lavorata, e il rischio di tumori

Condividi
"Per quanto mi riguarda io sono vegetariano da sempre, molto prima di essere medico e molto prima di essere oncologo, da quando cioè ho potuto scegliere la mia alimentazione- dice Umberto Veronesi commentando la pubblicazione su 'Lancet Oncology' dello studio sulla relazione tra il consumo di carne rossa, anche lavorata, e il rischio di tumori. Il lavoro "aggiunge un tassello in più nella ricerca delle cause del cancro e l'eziologia è fondamentale nella lotta a questa malattia: potremo dire di aver vinto il cancro non quando lo cureremo - avverte Veronesi - ma quando non ci ammaleremo più, cioè dopo aver trovato le cause e averle eliminate".  

Veronesi non è sorpreso da questa notizia, che sta facendo discutere: "Non ci coglie impreparati, lo sapevamo da tempo, da almeno 20 anni io per primo, ai congressi e agli incontri divulgativi, ripeto che ci sono indicazioni epidemiologiche di un legame tra consumo carni rosse e tumori del colon. Quello che è stato fatto oggi è una sorta di sistematizzazione" degli studi.

Non mangio gli animali - precisa l'oncologo - perché li amo e penso che i loro diritti di esseri viventi vadano rispettati, prima di tutto il loro diritto alla vita. Il secondo motivo è di equilibrio e sostenibilità ambientale: l'eccessivo consumo di carne è il motivo principale dell'ingiustizia alimentare, che fa sì che circa un miliardo di persone nel mondo occidentale muoia per troppo cibo mentre in Asia e nei Paesi africani circa 800 milioni di persone muoiono di fame o soffrono di malnutrizione".

Lo scienziato aggiunge: "L'identificazione certa di una nuova sostanza come fattore cancerogeno è sempre e comunque una buona notizia in sé, perché aggiunge conoscenza e migliora la prevenzione. In questo caso dunque - avverte Veronesi - non si tratta della 'vittoria' di una parte sull'altra, ovvero dei vegetariani contro i carnivori, ma di un passo avanti della ricerca". Il maggiore problema nel trattare l"emergenza cancro' infatti - spiega ancora Veronesi - è proprio quello di riuscire a identificare tutte le cause di questa malattia. Ora - avverte - "si tratta di avere un supporto di tipo istituzionale a delle indicazioni che diamo da anni in merito all'opportunità di ridurre drasticamente il consumo di carne, come d'altronde indica pure il codice europeo contro il cancro". 

 
Condividi