Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Valls-la-conferenza-sul-clima-si-fara-c8b50dc3-7cbf-4a05-b2da-bce21d1f2573.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Verso Cop 21

Premier Valls conferma: "La conferenza sul clima si farà, Parigi sarà la capitale del mondo"

Gli attentati che hanno colpito la capitale francese non fermeranno lo storico vertice sul cambiamento climatico previsto per il 30 novembre, ma saranno adottate misure di sicurezza più stringenti. I concerti e le manifestazioni di festa collegate saranno annullate. Anche i gruppi ambientalisti stanno rivalutando i loro programmi.  

Condividi
La Conferenza sul clima si farà. Gli attentati che hanno colpito la capitale francese non fermeranno  COP 21. La Francia è determinata ad ospitare il vertice sul cambiamento climatico previsto per il 30 novembre, ma probabilmente adotterà misure di sicurezza più stringenti. Lo ha confermato il premier francese Manuel Valls: "Parigi sarà la capitale del mondo" per la Cop21, ha detto. "Nessun capo di Stato, nessun capo di governo del pianeta ha chiesto un rinvio".
 
La conferenza Onu  che inizierà dal prossimo 29 novembre si concentrerà sui negoziati, ha detto Valls, mentre "i concerti e le manifestazioni di festa" collegate saranno "senza alcun dubbio annullate". Quanto alla grande manifestazione di avvio del vertice, prevista per il 29 novembre, gli organizzatori devono ancora prendere una decisione. “Non voglio andare troppo in fretta, ma la questione di organizzare questa manifestazione dovrà essere vagliata", ha aggiunto Valls, spiegando che "non dovrà essere fatto nulla che possa essere fonte di pericolo, compresi i movimenti di folla come le manifestazioni. Quello che dobbiamo organizzare è un grande vertice sul clima e le forze di sicurezza devono potersi concentrare sull'essenziale". Non si conoscono ancora le misure specifiche con cui il governo aumenterà i controlli, ma il ministro Fabius ha parlato di “misure di sicurezza intensificate”.

Ambientalisti  
I gruppi ambientalisti, dopo la tragedia, hanno preso tempo per valutare i loro programmi per sit in e marce legati al vertice. Nel caso persistesse lo stato di emergenza, le associazioni rispetteranno il divieto di manifestazioni pubbliche e vireranno sui social networks.

I dubbi di Sarkozy e la conferma di Obama 
Il leader della destra francese Sarkozy che aveva dei dubbi su Cop21 ha poi fatto sapere che non chiederà il rinvio”.Da Washington ci sono state conferme importanti: il presidente Usa  Barack Obama sarà a Parigi come previsto. Obama è uno degli oltre 120 capi di Stato e di governo che saranno a Le Bourget, fuori Parigi, per trovare un nuovo accordo globale per fermare il riscaldamento. Cop21 è la maggior conferenza politico-diplomatica organizzata dalla Francia dal 1948.

G20 
Del Clima si è parlato anche ad Antalya, in Turchia. I leader dei Paesi del G20 chiedono un accordo sul clima ampio alla conferenza Onu. Lo affermano le bozze del comunicato finale del vertice:  "Confermiamo la nostra determinazione ad adottare un protocollo, un altro strumento legale o un esito concordato con valore legale" alla COP21, si legge nella bozza elaborata dopo una nottata di negoziati sul testo. "Riconfermiano il nostro obiettivo sotto i due gradi" di riscaldamento del clima, si legge. Ma restano aperte ancora delle differenze che si spera saranno superate durante la Conferenza. Nel testo della bozza, infatti, si legge: "Ci si attende che l'accordo sul cambiamento climatico della conferenza di Parigi sia equilibrato e rifletta equità e differenti circostanze nazionali".  La partita è ancora aperta.
 
Condividi