Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Vandana-Shiva-a-Parco-biodiversita-posto-piu-importante-di-Expo-77952a9a-4599-4ffd-a4a5-c0ab9eaa5615.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Critica con la presenza della multinazionale

Expo. Vandana Shiva a Parco Biodiversità: posto più importante. Che ci fa qui vicino la Coca-Cola?

L'ambientalista e attivista indiana Vandana Shiva, uno dei volti internazionali dell'Esposizione Universale, ha inaugurato il Parco della Biodiversità

Foto da Twitter @expo2015milano
Condividi
"Nutrire il Pianeta, energia per la vita", in cui i semi alimentano e rendono fertile la Terra. Per tutto questo il Parco della biodiversità è un luogo simbolo dell'Expo. Vandana Shiva, ambientalista indiana presidente di Navdanya International, in occasione dell'inaugurazione del Padiglione del biologico e della presentazione del Forum internazionale sul tema ha piantato semi italiani e indiani, tra cui zucca, fagioli e farro.

Biodiversità come varietà di piante
"È stata una gioia camminare in questo parco, perché tutta l'Expo dovrebbe essere un parco della biodiversità ed è una gioia particolare piantare semi perché nutrono il futuro. Questo è il più importante posto in Expo: con i semi e il terreno diciamo che la vita non si estinguerà" ha detto l'ambientalista. Biodiversità, ha anche spiegato, significa varietà di piante, di micro organismi che danno fertilità al terreno, di animali e di insetti come le api per l'impollinazione.

L'attacco a soft drink
Durante il percorso nel parco l'ambientalista indiana ha scattato una foto al padiglione della Coca Cola, che è proprio a fianco del parco della biodiversità, spiegando subito dopo il perché: "C'è un parco della biodiversità che ci dà tante opportunità e a fianco la Cola Cola che distrugge la salute, ruba l'acqua a una comunità o a un ecosistema. Ci rubano la salute e la conoscenza, minacciano l'organizzazione mondiale della sanità quando dice che i soft drinks sono un pericolo per la salute dei nostri bambini e dicono che non puoi dirlo nè scriverlo nelle etichette".
Condividi