Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Venerdi-nero-la-lira-turca-spaventa-le-borse-5e96df17-ee7c-4d69-a84f-a074d72b8871.html | rainews/live/ | (none)
ECONOMIA

Mercati

Venerdì nero, la lira turca spaventa le borse

Condividi
di Michela CoricelliMilano Un venerdì  nero per le Borse europee, in particolare per Piazza Affari. Il crollo della lira turca - che ha perso in una giornata quasi il 20% rispetto al dollaro - ha trascinato giù Milano, che ha ceduto due punti e mezzo. Pesano i timori del rischio contagio sulle banche europee esposte verso Istanbul.

Tutto il comparto bancario italiano soffre, ma soffre soprattutto il titolo Unicredit che lascia sul terreno il 4,73%: il gruppo possiede il 41% della quarta banca privata turca, la Yapi Kredi.

Chiudono in rosso tutte le borse del vecchio continente (Francoforte -1,99%, Parigi -1,59%, Londra -0,97% e Madrid -1,56%), mentre l'euro frena bruscamente, scende ai minimi da un anno, e arriva a scivolare sotto 1 dollaro e 14. 

Tutto in una giornata difficile, con la pressione sullo spread che torna a salire: il differenziale tra il nostro Btp e il Bund tedesco schizza a 266 punti base e il rendimento del nostro decennale si riavvicina al 3%. 

Intanto Wall Street prosegue in territorio negativo.  
 
Condividi