MONDO

Ministero Difesa Caracas: da Trump "follia estremista"

Venezuela, Trump: non escludo opzione militare, parlerò con Maduro solo se ripristina democrazia

Condividi
Il presidente Trump ha detto di non escludere l'opzione militare nei confronti del Venezuela. Un atto di estremismo folle, ha risposto subito dopo il titolare del Ministero della Difesa, da Caracas. Sono parole, quelle di Trump, che arrivano dopo che ha rifiutato un colloquio telefonico con Nicolas Maduro. Motivo: parleremo - ha fatto sapere la Casa Bianca - solo "quando sarà ripristinata la democrazia". 

Trump a Maduro: rispetti la Costituzione
"Trump - aggiunge la Casa Bianca - ha chiesto a Maduro il rispetto della Costituzione, elezioni libere ed eque, la liberazione dei prigionieri politici e la cessazione delle violazioni dei diritti umani. Al contrario, Maduro ha scelto la via della dittatura".

Trump: non è esclusa l'opzione militare
Il presidente degli Stati Uniti ha detto che non esclude una "opzione militare" in relazione alla crisi in Venezuela, un paese che, a suo parere, è impantanato in un "pasticcio molto pericoloso". Il presidente Trump ha parlato dopo l'incontro con il Segretario di Stato, Rex Tillerson, il consigliere per la sicurezza nazionale, H. R. McMaster, e l'ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Nikki Haley.

Ministero della Difesa venezuelano: una follia estremista
L'opzione militare evocata da Trump è una "pazzia" e un atto di "estremismo". Lo ha detto il ministro della Difesa venezuelano Vladimir Padrino: "Con questa elite estremista al potere negli Stati Uniti, chi può sapere cosa accadrà al mondo?", ha affermato Padrino, tra i fedelissimi del presidente Nicolas Maduro. 

Cosa aveva detto Maduro
Nicolas Maduro si era sì detto disponibile ad incontrare Trump in occasione dell'Assemblea generale dell'Onu ma allo stesso tempo lo ha accusato di promuovere la violenza per rovesciarlo e alimentare il suo isolamento internazionale.
Condividi