MONDO

Dopo gli Usa

"Verso il divieto di tablet a bordo sui voli europei". L'indiscrezione del Financial Times

Emirates, il più grande vettore del Golfo, ha denunciato la scorsa settimana un calo dell'utile annuo dell'82 per cento, incolpando le misure restrittive di Trump

Condividi
Sul divieto di portare a bordo degli aerei computer e laptop, gli Stati Uniti non avrebbero ancora deciso. Anzi: l'amministrazione Trump sta considerando di estendere il divieto a tutti i passeggeri che arrivano negli States da ogni parte del mondo, Europa inclusa.

Mercoledì a Bruxelles si è svolta una riunione tra la Commissione europea e l'Amministrazione americana proprio sull'eventualità di vietare portatili e tablet sui voli, ma non èstata presa alcuna misura e i colloqui proseguiranno la prossima settimana a Washington.

"Stiamo valutando un ampliamento della restrizione in vigore ora in Medio Oriente e in Africa del Nord", ha spiegato David Lapan, portavoce del dipartimento americano della Sicurezza nazionale, al Financial Times.

"L'ampliamento di queste restrizioni potrebbe includere anche l'Europa e altre località", ha aggiunto. Lapan ha poi sottolineato che sono in corso "discussioni con i nostri colleghi europei ma si tratta - ha detto - di qualcosa che il segretario John Kelly sta prendendo in considerazione".

Il divieto per i passeggeri di portare dispositivi elettronici, è già in vigore sui voli che dal Medio Oriente arrivano negli Stati Uniti. Così facendo, l'amministrazione statunitense affronterebbe il timore che l'Isis stia sviluppando una bomba che può essere nascosta in un computer portatile e fatta esplodere in volo.

Emirates, il più grande vettore del Golfo, ha denunciato la scorsa settimana un calo dell'utile annuo dell'82 per cento, incolpando le misure restrittive di Trump.
Condividi