ECONOMIA

Avvicendamento concordato con il Cda della banca

Fabrizio Viola lascia la guida di Montepaschi

L'addio dell'amministratore delegato dopo quattro anni e mezzo. Mps: successione in tempi brevi

Condividi
Un addio a sorpresa ma non imprevedibile. Fabrizio Viola lascia dopo 56 mesi la guida di Banca Mps, quattro anni e mezzo da incubo per l'istituto senese e per il top manager. Il periodo più buio vissuto dalla banca, ferita dallo scandalo Alexandria, e costretta a due maxi aumenti di capitale da complessivi 8 miliardi in due anni, ancora insufficienti. Il terzo, da altri cinque miliardi, la cui realizzazione è tutta in salita, deve essere lanciato.

Ben altra era la prospettiva quando si presentò nel gennaio del 2012, chiamato in fretta e furia dopo l'allontanamento, imposto dalla Banca d'Italia, dell'ex direttore generale Vigni. Per la banca si poteva immaginare un percorso difficile di ristrutturazione ma non quello che sarebbe avvenuto in seguito.

"Non temo condizionamenti della politica", fu la sua prima dichiarazione presentandosi alla stampa cui ne aggiunse un'altra che poco tempo dopo però fu smentita dagli eventi: la convinzione che per far fronte alla richiesta Eba di un rafforzamento patrimoniale da 3,3 miliardi non sarebbe stato necessario proporre un aumento di capitale. Viola non poteva certo immaginare quello che sarebbe successo meno di quattro mesi dopo a Siena: il 9 maggio 150 uomini della Guardia di Finanza si presentarono a Rocca Salimbeni e in altre sedi dell'istituto. Iniziava tutta un'altra storia. 

La nota di Mps
"Nella seduta odierna, il Consiglio di Amministrazione di Banca Monte dei Paschi di Siena e l`Amministratore Delegato Fabrizio Viola hanno convenuto sull`opportunità di un avvicendamento al vertice della Banca", spiega la banca senese. "Fabrizio Viola ha dato la propria disponibilità a definire, insieme al Presidente, una ipotesi di accordo per la risoluzione del rapporto, subordinata all`approvazione degli organi competenti, nel pieno rispetto delle previsioni contrattuali e della normativa vigente, mantenendo le proprie funzioni fino alla nomina del suo successore e assicurando il proprio supporto per il tempo necessario", prosegue la nota. Che annuncia l'avvio del "processo per
la successione con l`obiettivo di arrivare in tempi molto brevi al suo insediamento". 

Fonti Ministero Economia: evoluzione della situazione "sotto controllo"
L'evoluzione della situazione al Monte dei Paschi di Siena, che oggi ha visto l'annuncio delle dimissioni dell'amministratore delegato Fabrizio Viola, "è sotto controllo". Lo segnalano fonti del ministero dell'Economia e delle Finanze (Mef), spiegando che, come già confermato dalla nota della Banca, la nomina del nuovo ad di Rocca Salimbeni avverrà a breve.
Condividi