Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Wes-Craven-muore-a-76-anni-era-il-regista-di-Nightmare-e-Scream-87e2dc26-b364-49ef-b17e-91d4d9117a63.html | rainews/live/ | (none)
SPETTACOLO

Era malato di cancro

Il maestro dell'horror Wes Craven muore a 76 anni, era il regista di Nightmare e Scream

Nella sua carriera cinematografica ha ricoperto tutti i ruoli: regista, attore, sceneggiatore produttore. Nel 1984 fece debuttare Johnny Depp in Nightmare

Wes Craven (Getty Images)
Condividi

Nightmare, Le colline hanno gli occhi, Scream. Anche chi non ama il genere horror conosce i film di Wes Craven, scomparso a 76 dopo anni di malattia.

Il regista - morto nella sua casa di Los Angeles - era considerato il maestro del genere horror. Nel 1984 fece debuttare Johnny Depp in Nightmare, il suo film cult più famoso. 

Craven si era laureato in lettere e filosofia alla John Hopkins University e proprio nell'ateneo trovò un lavoro stabile come insegnante. Ma il suo amore per la pellicola lo porta ad abbandonare l'insegnamento per dedicarsi all'attività cinematografica. Nella sua carriera nel mondo del cinema ricoprirà tutti i ruoli: regista, attore, sceneggiator e produttore.

Dal porno all'horror
Il regista e produttore statunitense Wesley Earl Craven, meglio conosciuto come Wes Craven, scomparso ieri, nacque il 2 agosto 1939 a Cleveland. Ha firmato film come 'Red Eye', 'La musica nel cuore', le saghe che lo hanno reso celebre come maestro dell'horror, 'Nightmare' e 'Scream'. La sua curiosità verso il cinema lo spinge sin di giovane, ad avvicinarsi a questo mondo. Infatti, nonostante la sua laurea in lettere e filosofia, decide di abbandonare un lavoro stabile da insegnante per dedicarsi all'attività cinematografica, facendo inizialmente il tuttofare in una piccola casa di produzione. Lì ben presto impara le tecniche essenziali del montaggio che utilizza per creare qualche spot pubblicitario e pellicole porno. Conosce così il futuro regista Sean S. Cunningham, con il quale produce il primo lungometraggio, il film pornografico 'Together'.

Il porno però è un genere che non soddisfa Craven, vuole scuotere il pubblico, spaventarlo ad un livello profondo, impressionarlo e per questo, seguendo i passi del suo regista preferito, Ingmar Bergman, decide di cambiare registro. Nasce così il suo primo 'vero' film 'L'ultima casa a sinistra' (1972), ispirato al classico del regista svedese 'La fontana della vergine'. Il film, cinico e sanguinario, ha una forte presa sul pubblico dell'epoca, la critica però lo definisce 'cinematograficamente inetto'. Sfruttando la lezione in materia di Hitchcock, Craven predilige l'orrore non surreale e fantasmagorico, quello che "si cela nel quotidiano e aspetta solo l'occasione per distruggere", come diceva lo stesso regista. Da 'Benedizione mortale' a 'Il mostro della palude', Craven raggiunge il successo nel 1984 con 'Nightmare - Dal profondo della notte', ispirato ad una storia vera e che darà il via alla fortunata saga.

In seguito, Craven gira numerosi film, tra cui 'Il serpente e l'arcobaleno', e si dedica a diversi sceneggiati anche per la tv. Il maestro dell'orrore ritorna sulla cresta dell'onda nel 1996 con 'Scream', fortunato horror da cui prendono spunto molti degli attuali teenager-horror movie. Il film ha un grande successo di pubblico, originando una saga che conta attualmente quattro episodi. Il regista, nel frattempo, aveva abbandonato temporaneamente il genere horror con il film del 1999 'La musica del cuore', pellicola di genere drammatico interpretata da Meryl Streep e Angela Bassett. Dal 2000 al 2009 Craven produce diversi film che non hanno un grande riscontro, ma nel 2011 riprende una delle saghe che gli ha dato maggior successo, dando così il via a 'Scream 4'. Il fortunato franchise si sposta infine sul piccolo schermo: Craven è stato infatti, quest'anno, produttore esecutivo della serie televisiva 'Scream', trasmessa su Mtv.

Condividi