Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Whripool-Cainaro-polo-ricambi-per-Europa-niente-esuberi-aeffb79c-be74-4e02-9828-835b51e8fac6.html | rainews/live/ | (none)
ECONOMIA

Presentato il piano industriale al Mise

Whirpool, Bentivogli (Cisl) : "Bene piano industriale per Carinaro"

Lo stabilimento campano  diventerà un polo di ricambi per tutta l'Ue, scongiurati gli esuberi

Condividi

Il Segretario Generale Fim Cisl Marco Bentivogli ha commentato così il nuovo piano industriale presentato dalla multinazionale americana, oggi al Ministero dello Sviluppo Economico: "Nel corso dell'incontro di oggi è stato presentato il nuovo piano industriale. Il piano contiene Whirpool 513 milioni di euro + 30 milioni di euro già avviati, rientro di 650.000 pezzi da Turchia, Cina e Polonia, la conferma dell'Italia come centro di eccellenza dell'area Emea dove saranno concentrati il 75% degli investimenti di ricerca e sviluppo pari a 90 milioni di euro l'anno".

Questo l'annuncio del segretario Fim Cisl, Marco Bentivogli, che ha preso parte alla presentazione del piano industriale della multinazionale americana al ministero dello Sviluppo Economico. 
Il nuovo piano industriale per lo stabilimento di Carinaro non genera esuberi strutturali e prevede missioni industriali per tutti i siti, aumentando la saturazione media dei siti dal 55% al 70% e 6,25 milioni di pezzi annui, confermano le forze sindacali.

L'opificio campano
A Carinaro - dove sono impegnati 1.300 lavoratori - sarà concentrata tutta l'attività dell'area Emea di componentistica relativa a accessori e ricambi per i mercati UE, Africa e Medio Oriente.
"Tale missione occuperà tutti i 40.000mq dello stabilimento e in partenza 320 lavoratori su 18 turni (3 turni di 6 ore a 5 squadre  dal lunedì al  sabato) con  forti possibilità di crescita", sottolinea la Fim Cisl.
"Tale concentrazione non genererà esuberi negli altri siti. Per Teverola si investiranno 2 mln di euro per attività di scouting già avviate di nuove attività di reindustrializazione. La Fim Cisl ha chiesto di incrementare gli incentivi proposti nel precedente incontro e di maggiori garanzie sulla cessione di None e il trasferimento di Albacina a Melano", conclude il segretario Fim Cisl Marco Bentivogli.
Condividi