Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Wolfgang-Schaeuble-e-la-crisi-dell-Unione-Europa-senza-Italia-non-concepibile-501ca565-c553-44e9-ac5e-045ff39ffa16.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

L'intervento

Wolfgang Schaeuble e la crisi dell'Unione: "Un'Europa senza l'Italia non è concepibile"

In un'intervista l'ex ministro tedesco delle Finanze dice: "Risolveremo i problemi insieme".  E sul presidente francese Macron commenta: "Ho forte rispetto per il suo coraggio, la sua determinazione, l'impulso che ha dato alla Francia. Ma in Europa è diverso, più complicato"

Condividi
"L'Italia è un grande Paese. Per secoli è stata il sogno dei tedeschi. L'Europa, la democrazia e la storia europee senza Italia non sono concepibili. Ampie regioni italiane sono economicamente dinamiche e forti. Nella globalizzazione, la pressione  più forte e la sfida molto grande. Ma poiché non possiamo immaginarci - né per il passato, né per il presente, né per il futuro - un'Europa senza l'Italia, risolveremo i problemi insieme". Lo afferma il politico tedesco Wolfgang Schaeuble, presidente del Bundestag, in un'intervista al Corriere della Sera, a proposito del prevertice Ue in programma a Bruxelles.


"Le migrazioni sono una delle sfide più grandi per il nostro modello occidentale di democrazia, stato di diritto e dignità delle persone. Dobbiamo trovare risposte migliori", dice Schaeuble. "Sono una sfida esistenziale per l'Europa, ma anche la dimostrazione che solo insieme possiamo affrontarla. Nessun Paese pu farcela da solo", sottolinea, mostrandosi ottimista sul fatto che si possa arrivare al diritto d'asilo europeo. "Qui si tratta dell'Europa, il cui principio fondante sono le frontiere interne aperte. Se  così, abbiamo una responsabilità comune per le frontiere esterne. Non possiamo dire che Malta per colpa della geografia ha sfortuna. Un problema comune, tanto di Olanda e Germania quanto dell'Italia, Grecia e Malta", osserva Schaeuble.

"Voglio dire che non si tratta solo di solidarietà all'Italia, ma di capire che  una sfida per tutti, che abbiamo un interesse comune". Adesso "cominciamo a capirlo meglio. Troppo a lungo non abbiamo fatto nulla, non abbiamo capito che le migrazioni sarebbero diventate un problema cos grande". Sul presidente francese Emmanuel Macron, "ho forte rispetto per il suo coraggio, la sua determinazione, l'impulso che ha dato alla Francia. Ma in Europa è diverso, più complicato. Bisogna stare attenti a mettere troppo al centro la responsabilità della leadership franco-tedesca", dichiara Schaeuble.
Condividi