Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Xi-Jinping-in-Francia-accoglienza-arco-di-trionfo-faccia-a-faccia-con-Macron-Eliseo-f7d0c8a9-f3c2-4915-918c-b19cbd36cdee.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Il viaggio in Europa del presidente cinese

Xi Jinping in Francia: maxi-ordine di 300 Airbus, vale 30 miliardi di euro

All'Eliseo primo colloquio (e firma di 14 contratti bilaterali) tra i capi di stato. Domani incontro allargato a Merkel e Juncker

Condividi

La Cina, attraverso la compagnia China Aviation Supplies Holding Company, ha firmato oggi un maxi-ordine di 290 Airbus A320 e dieci A350. Lo ha annunciato l'Eliseo al termine dell'incontro Tra Emmanuel Macron e Xi Jinping.

"La conclusione di un grande contratto per Airbus - ha detto il presidente francese nella conferenza stampa congiunta con Xi Jinping - è un passo avanti importante e un segnale eccellente della forza degli scambi" tra la Cina e la Francia. L'Eliseo ha precisato che la commessa di questi aerei "ha un valore di circa 30 miliardi di euro".

Ma sono, in tutto, 14 i contratti bilaterali Francia-Cina firmati oggi. Eccoli
- General Terms Agreement (GTA) fra Airbus e China Aviation Supplies Holding Company (CASC) per 300 apparecchi (290 A32a e 10 A350), per un valore di circa 30 miliardi di euro.
- Intesa fra BNP Paribas, Eurazeo e China Investment Corporation per la creazione di un fondo di cooperazione franco-cinese per 1 miliardo di euro.
- Accordo EDF-China Energy Investment Corporation sullo sviluppo di un progetto eolico off-shore di Dongtai (1 miliardo di euro).
- Accordo Fives-CNBM (China National building Materials Group) sul riscaldamento climatico e la cooperazione in paesi terzi (previsto 1 miliardo di euro): è la realizzazione di tecnologie pulite per ridurre il consumo energetico, soprattutto in Africa.
- Intesa per il sostegno da parte del fondo franco-cinesepresso mercati terzi di una piattaforma sulle energie rinnovabili (fra 1 e 1,5 miliardi).
- Accordo di cooperazione e contratto di costruzione di 10 nuove navi con capacità di 15.000 container (1,2 miliardi).
- Contratto Airbus-Twenty First Century Aerospace Technology per il rafforzamento della cooperazione franco-cinese nel settore dell'immagine satellitare.
- Memorandum su cofinanziamenti fra BNP Paribas e Bank of China (fino a 6 miliardi in 3 anni) per finanziamenti in paesi terzi.
- Accordo di investimento fra il Grande Porto di Marsiglia e Provence promotion e Quechen silicon chemical international developement (105 milioni).
- Accordo cooperazione fra EDF e Huadian per la fornitura diservizi energetiche a Wuhan (100 milioni).
- Contratto di acquisto di un sistema di controllo ambientale fra Liebherr Aerospace e COMAC (41 milioni).
- Accordo cooperazione strategica fra Schneider Electric e Bank of China per il finanziamento di progetti a paesi terzi.
- Accordo di cooperazione strategica fra Schneider Electric ePower Construction Corporation (fino a 6 miliardi) sulla modernizzazione delle fabbriche della PCC in Cina e in un paese terzo.
- Partnership fra Indigo e Sunsea per lo sviluppo di parcheggi intelligenti in Cina e in altri paesi.

Pechino riapre all'import di pollame congelato francese
E dopo quattro anni di stop, iniziato all'epoca dell'influenza aviaria nel 2015, la Cina si prepara a eliminare il divieto sulle importazioni dalla Francia di pollame congelato. L'embargo sarà sollevato dopo l'accordo siglato dal ministero dell'Agricoltura francese e l'agenzia delle Dogane cinese (Gacc) durante la visita di Xi Jinping in Francia. Se è vero che il volume e la quantità di importazioni di pollame francese in Cina restano limitate, l'accordo è cruciale per il settore, perché consente di valorizzare parti, come teste, gambe e ali, che sono apprezzati dai cinesi e non consumati in Francia, come ha sottolineato la Federazione del comparto, che raccoglie il  60% delle aziende francesi del settore. Sempre nel settore  alimentare è stato firmato un altro accordo per aprire immediatamente il mercato cinese ai molluschi francesi.

Macron a Xi: "Auspico partnership eurocinese forte"
Macron ha auspicato una"partnership eurocinese forte", una formulazione finora non utilizzata ufficialmente. Domani, ha ricordato Macron, il dialogo con Pechino "continuerà" alla presenza della cancelliera Angela Merkel e del presidente della Commissione Ue, Jean-ClaudeJuncker.

"Preoccupazione per i diritti umani"
"Ho espresso la preoccupazione della Francia e dell'Europa per i diritti umani e le libertà individuali in Cina" ha detto il presidente francese, "come sempre ho avuto con il presidente cinese un discorso franco che deve portarci a passi avanti concreti". 

Una lunga stretta di mano
Xi Jinping ed Emmanuel Macron si sono incontrati all'Arco di trionfo per la prevista cerimonia militare al milite ignoto.

I due presidenti hanno ascoltato gli inni, poi hanno salutato le truppe schierate sulla piazza dell'etoile. Alla fine della cerimonia, Xi e Macron hanno percorso il lungo tappeto rosso in direzione degli Champs-Elysees per dirigersi verso l'Eliseo, dove i due capi di stato avranno un primo incontro.

Il presidente cinese è stato accolto, nel cortile della presidenza, dal capo dello Stato francese. Fra i due, una lunga stretta di mano, poi il via al colloquio privato.  Successivamente, all'incontro sono stati ammessi alcuni esponenti delle delegazioni per la firma dei contratti bilaterali che - secondo quanto si è appreso all'Eliseo - sono "una decina". In serata si è saputo che si tratta di 14 accordi.

Ue: incontro all'Eliseo importante per preparare il summit di aprile
L'incontro all'Eliseo di domani tra Xi Jinping, Macron,Merkel e Juncker è un meeting "molto importante, che arriva prima del summit Ue-Cina del 9 aprile". Lo dice il portavoce della commissione, Margaritis Schinas. "Tenere questo meeting in questo momento è una grande opportunità per convergere sulle principali questioni che saranno 'cristallizate' al summit".

Condividi