Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Xylella-Unione-europea-conferma-caso-isolato-in-Liguria-87319ada-a9a0-49e3-b511-bddb50ce5c7b.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Xylella, l'Unione europea conferma un caso isolato in Liguria

Secondo fonti comunitarie, la pianta malata, asintomatica, proverrebbe da un vivaio della Toscana. Ma l'assessore all'agricoltura smentisce

Condividi

Primo caso di Xylella in Liguria. La Commissione Ue "conferma il ricevimento della notifica da parte delle autorita' italiane di un caso isolato e senza sintomi di un ulivo potenzialmente infetto da Xylella in un garden center in Liguria". Cosi' il portavoce del commissario Ue Vytenis Andriukaitis. Secondo alcune fonti europee, la pianta proverrebbe dalla Toscana. 

La notifica inviata dall'Italia
La notifica è stata inviata dall'Italia a Bruxelles il 29 aprile. Il punto vendita di piante in Liguria dove è stato rinvenuto l'albero positivo alla Xylella si trova in provincia di Savona. L'ulivo, però, secondo le fonti, sarebbe originario di un vivaio toscano, e i test effettuati finora sulle piante vicino a quella malata ma asintomatica sarebbero negativi. La Commissione Ue, comunque, dato il caso piuttosto particolare, "è in contatto con le autorità italiane per avere ulteriori chiarimenti su questa notifica" e "fino a che non ci saranno ulteriori informazioni da parte dell'Italia non potrà fornire ulteriori dettagli". 

Assessore: "Nessuna pianta contaminata da Xylella in Toscana" 
"In Toscana non ci sono piante contaminate dalla Xylella. Abbiamo controllato in maniera sistematica da ottobre scorso ad aprile tutti i vivai che fanno gli ulivi, e da aprile i controlli sono stati intensificati" e i risultati sono stati negativi. Lo dice l'assessore all'agricoltura della Toscana Gianni Salvadori riferendosi all'ipotesi che possa provenire da un vivaio toscano l'ulivo potenzialmente infetto da Xylella segnalato in Liguria.

Le misure per contrastare il batterio 
Le misure anti-Xylella adottate dal Comitato per la salute delle piante la scorsa settimana prevedono - ma solo in caso di identificazione di un nuovo focolaio vero e proprio del batterio killer degli ulivi - l'eradicazione di tutte le piante malate e di tutte quelle ospiti in un raggio di 100 metri. 
Condividi