Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Zanetti-scelta-Civica-pronta-a-votare-contro-il-governo-c9e44065-63e5-439a-9c59-3ec77db5ac14.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Il congresso del Partito

Scelta Civica, Zanetti nuovo segretario: "Pronti a votare contro il governo". Della Vedova lascia

Il sottosegretario all'Economia, eletto leader del movimento fodnato da Mario Monti, alza il tiro contro il governo. Benedetto Della Vedova  annuncia che resterà in maggioranza, senza passare al Pd. Alla Camera, Scelta Civica non avrebbe comunque i numeri per mettere in crisi l'esecutivo di Matteo Renzi

Condividi
Il sottosegretario all'Economia Enrico Zanetti viene eletto segretario di Scelta Civica al congresso di Roma, con il 93% dei voti dei delegati e alza subito il tiro contro il governo che pure Scelta Civica sostiene. 
"Visto come si è comportato il segretario democratico, sarà d'obbligo un chiarimento. Sia ben chiaro. Poiché siamo noi vittime, il pallino ce l'hanno loro. Se così non sarà, ci riserveremo di non votare ciò che non ci piace". Zanetti definisce una vera e proria "Opa quella lanciata nei confronti dei nostri senatori, un atto politicamente sgradevole". E si riferisce al passaggio al Pd di quasi tutto il gruppo parlamentare al Senato, ad esclusione di Mario Monti e Della Vedova

Della Vedova lascia. "Resto in maggioranza, ma non aderisco al Pd"
Anche Benedetto Della Vedova, però, annuncia il suo addio a Scelta Civica, dopo aver presentato una mozione per sciogliere il partito. E dichiara: "Io resto convintamente in questa maggioranza, ma il Pd non è il mio partito".
Nei giorni scorsi, avevano abbandonato il partito per entrare nelle fila dei dem, tra gli altri senatori Lanzillotta, Susta, Ichino, il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini, il sottosegretario Carlo Calenda e Irene Tinagli.  

Scelta civica presente solo alla Camera
Zanetti minaccia il PD di votare solo alcuni provvedimenti del governo. C'è da dire, però, che al Senato il gruppo non ha più iscritti. Alla Camera, invece,  il movimento fondato - tra gli altri - anche da Andrea Riccardi e Luca Cordero di Montezemolo pur contantdo su più di dieci parlamentari, non ha i numeri per insidiare l'esecutivo di Matteo Renzi.

Zanetti: "L'Italicum così com'è non è utile. Occorre un tagliando nella maggioranza"
"Dobbiamo discutere della linea che vogliamo avere anche sulla legge elettorale: così com'è non credo che sia utile al Paese", dice Enrico Zanetti. Il segretario di Scelta Civica allarga poi il ragionamento a tutto il patto di maggioranza:  "Dobbiamo ragionare per vedere se la linea del partito possa subire un tagliando a seguito di un esito congressuale che segna un momento di discontinuità rispetto al passato".

 
Condividi