Mondo

L'allarme degli esperti

Il riscaldamento globale provocherà un'ondata migratoria in Russia

Russia immigrati (Foto inviata da Seva)

Secondo un gruppo di esperti, riuniti a tavola rotonda dal quotidiano russo “Izvestija”, il riscaldamento globale con l’aumento delle temperature di 2 gradi priverà dell’accesso all’acqua potabile 300 milioni di persone, mentre unaumento delle temperature di 3 gradi rischierebbe di impedire l’accesso all’acqua potabile a 3 miliardi di persone.

Tali scenari, secondo gli esperti russi, provocheranno un’enorme ondata migratoria, stimata in centinaia di milioni di persone in tutto il mondo, compresa la Russia.

La pressione dell’immigrazione climatica salirà mentre già oggi nei flussi migratori provenienti dall’Asia Centrale verso la Russia c’è una forte componente ecologica e climatica.

La popolazione rurale nell’Uzbekistan sempre più spesso deve fare i conti con la siccità, che costringe i contadini e migrare verso le aree urbane, dove però si inasprisce la concorrenza sul mercato di lavoro, spingendo i nuovi arrivati a emigrare in Russia. 

Secondo alcune valutazioni, verso il 2080 il riscaldamento globale renderà la Siberia un luogo molto attraente dove vivere.
Informativa breve

Il sito Rai utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui - Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.