Tech

E' il backup day, 1 persona su 3 non fa una copia dei dati

La giornata mondiale si celebra dal 2011 per rendere le persone consapevoli dell'importanza di fare un backup, sia esso su una memoria Usb, un hard disk oppure online, attraverso un servizio cloud

Computer telefono caffè (Pixabay)

Il 39% delle persone ha in famiglia quattro o più dispositivi informatici come computer, smartphone e tablet, e il 29% ha già perso almeno una volta i suoi dati, eppure il 33% - cioè una persona su tre - non ha mai eseguito un backup dei propri file. E' quanto emerge da un'indagine condotta dalla società di sicurezza informatica Acronis e pubblicata in occasione del World backup day che ricorre ogni anno il 31 marzo.    

Fare un backup significa creare una seconda copia dei propri file - dalle fotografie e dai video alle email e ai documenti - in modo da non rischiare di perderli nel caso in cui il computer o il telefono in cui sono memorizzati si rompa, sia smarrito o rubato. Oppure che qualche hacker li rubi e chieda un riscatto per la restituzione.

La giornata mondiale si celebra dal 2011 per rendere le persone consapevoli dell'importanza di fare un backup, sia esso su una memoria Usb, un hard disk oppure online, attraverso un servizio cloud.    

L'importanza oggi è elevata come non mai, visto l'aumentare delle minacce informatiche che prendono di mira i dati degli utenti. Il 2018 - avverte Acronis - "sarà l'anno peggiore per i cyber-attacchi e per gli incidenti che comportano perdite di dati". E questo a causa di minacce sempre più sofisticate e numerose, in primis il ransomware.
Informativa breve

Il sito Rai utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui - Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.